Sembra che Apple inizi a interessarsi sul serio al mondo delle criptovalute: CoinDesk ha scoperto appena poche ore fa un annuncio di lavoro, datato ieri, per un Business Development Manager per lo sviluppo di metodi di pagamento alternativi.

Se il titolo rimane abbastanza generico, nell’elenco delle qualifiche fondamentali le criptovalute vengono citate espressamente: più precisamente, ai candidati si richiedono almeno cinque anni di esperienza con “fornitori di pagamenti alternativi, come wallet digitali”. Scopriamo insieme maggiori dettagli.

 

Apple si interessa ai pagamenti alternativi, le criptovalute

Considerando quanto rilevante stia diventando il mondo delle criptovalute, al netto delle (pur fortissime) fluttuazioni di mercato e di alcune opinioni decisamente contrarie, ha perfettamente senso che Apple voglia esplorarne le possibilità. Finora, né l’App Store né gli Apple Store hanno mai accettato BTC, ETH e compagnia, ma già diverse aziende, tra cui Tesla (anche se è durata poco, per questioni ecologiche) hanno dimostrato che un commercio di beni anche fisici tramite criptovaluta è possibile.

Tra l’altro, la Mela può essere considerata anche una esponente di spicco del settore fintech, grazie ad Apple Pay; e ha dimostrato di essere molto interessata al settore con la presentazione della Apple Card. Naturalmente è impossibile stabilire con precisione quali siano i piani di Apple riguardo alle criptovalute da un semplice annuncio di lavoro (ricordiamo tra l’altro che Apple ha decine di migliaia di dipendenti).

Dal canto suo, l’ufficio stampa della Mela non si sbottona alle richieste di commenti da parte di CoinDesk. Per il momento, non ci resta che attendere maggiori indiscrezioni, che potrebbero arrivare nei prossimi giorni. Noi vi terremo sicuramente aggiornati a riguardo.