Banconote rarissime: eccone alcune che possono costare milioni di euro

Molto spesso rovistare in cantina o tra i vecchi ricordi può condurre a trovare qualcosa di molto interessante. Il tutto può risultare rilevante non solo per quanto concerne un valore affettivo ma soprattutto materiale. Spesso infatti si viene a conoscenza di avere per le mani veri e propri tesori nascosti, i quali sono anche motivo di grandi ricerche da parte dei collezionisti.

Ci sono infatti dei casi molto rari nei quali si potrebbe possedere una fortuna senza neanche esserne a conoscenza. È proprio questo il caso delle banconote del passato, le quali possono appartenere ad un particolare tipo di conio tanto da valere migliaia o addirittura milioni. Ci sono infatti ad oggi alcuni pezzi molto ricercati e rari tra le varie banconote del passato, le quali possono trovarsi in qualsiasi parte del mondo.

 

Banconote: ce ne sono alcune molto rare in giro per il mondo

Ci sono diverse banconote che possono risultare piene di valore, come ad esempio quelle australiane del 900. Uno dei primi 100 esemplari che furono coniati durante la sterilizzazione del nuovo conio potrebbe addirittura arrivare ad avere un valore intorno ai 185.000 €.

Quasi la stessa cosa riguarda alcune banconote prodotte in Nuova Zelanda dal 1929 al 1934. Secondo quanto riportato da alcuni esperti ogni pezzo potrebbe arrivare a valere all’incirca 10.000 €.

Se non avete mai sentito parlare delle banconote Red Seal da 1000$, sappiate che esistono solo due esemplari in tutto il mondo. Ogni banconota può arrivare addirittura a rappresentare un valore in euro di circa 2 milioni.

Grande attenzione attirano anche le banconote da 1 milione di sterline antiche che possono valere 130.000 € ma mai quanto il Grand Watermelon: la famosissima banco nota del passato, coniata nel 1890 avrebbe infatti un valore di circa 3 milioni di euro.