chrome-browser-google-aggiornamentoGoogle Chrome è decisamente famoso per quanto riguarda la sua usabilità ed ancor di più per quanto concerne il consumo di memoria che con le ultime versioni del software aveva raggiunto ragguardevoli livelli di avidità. Parliamo al passato in quanto la versione 89 recupera ora terreno lasciando maggiore spazio agli utenti per la gestione dei proprio tasks. L’attuale revisione, già rilasciata dal team di Mountain View, semplifica ed ottimizza le cose per una buona misura. Scopriamo quanto e cosa prevede.

 

Google Chrome 89: consumo di RAM ridotto con l’arrivo del nuovo browser

Un browser che si presenta – come di consueto – completo di tutto. Pieno supporto ad una navigazione senza confini ma anche maggiore riguardo per il dispendio di memoria volatile che riduce il suo impatto garantendo un recupero di 100 MB. Non pochi, ma nemmeno un’esagerazione come molti avevano inizialmente prospettato.

La sete di Random Access Memory in uso si riduce, quindi, impattando meno che in passato sull’utilizzo dei Personal Computer. Tendenzialmente, di fatto, Google si è sempre posta in primo linea per l’uso delle risorse. Rispetto ai rivali, come confermato da anni di esperienza, ha infatti richiesto sempre maggiore potenza di elaborazione per proporre i contenuti del web.

Entrando nel dettaglio si scopre che Google Chrome 89 consente di ottenere ora un risparmio fino al 22% sul processo browser con un recupero dell’8% sul render e del 3% sull’occupazione della GPU. BigG, tra l’altro, si è spesa anche per un miglioramento della velocità che guadagna fino al 9% di punteggio in più rispetto alla versione precedente.

Per gli utenti macOS, infine, il risparmio di RAM vale un meritato 8%: Esaminate il grafico ed i dati sull’uso delle risorse per vedere la differenza.