Coronavirus: arriva il Bonus Babysitter che promette voucher settimanali da 100 euro

Il 12 marzo 2021, grazie all’approvazione del Decreto Legge numero 30 da parte del Consiglio dei Ministri, sono giunte alcune agevolazioni per aiutare i genitori lavoratori durante l’emergenza coronavirus. Scopriamo subito di cosa si tratta.

Innanzitutto è stato introdotto un bonus speciale che prende il nome di bonus babysitter. Trattasi di un voucher che arriva fino a 100 euro a settimana. Esso è destinato ad alcune categorie di lavoratori per i periodi in i cui figli svolgono attività di didattica a distanza o sono costretti a stare in quarantena.

Possono dunque usufruirne i lavoratori autonomi, gli operatori sanitari, i medici e le forze dell’ordine. In questo modo gli sarà concesso di attingere ai servizi di babysitting nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali.

Coronavirus: facciamo il punto della situazione

Ricapitolando: il Decreto legge numero 30 ha permesso l’approdo di svariati cambiamenti come l’estensione del congedo parentale anche per il 2021 e il bonus babysitter per quelle categorie di lavoratori i cui figli, minori di 14 anni, svolgono le lezioni tramite didattica a distanza.

In questo caso il voucher sarà valido fino alla sospensione dell’attività didattica a distanza. Ma anche alla durata della positività da coronavirus e/o alla durata della quarantena del figlio disposta dall’ASL.

Di seguito le categorie di lavoratori che potranno servirsi del buono speciale:

  • lavoratori iscritti alla gestione separata INPS,
  • lavoratori autonomi,
  • personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da coronavirus,
    i lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alle categorie di medici, infermieri, tecnici di laboratorio biomedico, tecnici di radiologia medica, operatori sociosanitari.