spazioGli scienziati affermano di aver sviluppato un nuovo modello per le prossime navicelle spaziali che consentirebbe di superare la velocità della luce.

“Concettualmente, dimostriamo che qualsiasi motore a curvatura, incluso il motore Alcubierre, è un insieme di materiali che si muove inerziale con una certa velocità. Pertanto, qualsiasi trasmissione a curvatura richiede propulsione. Dimostriamo che la trasmissione a curvatura subluminale, sfericamente simmetrica, almeno in linea di principio, può essere costruita sulla base dei principi fisici noti all’umanità oggi”.

Le teorie degli scienziati si basano sulla trasmissione a curvatura di Alcubierre, dal nome del fisico teorico Miguel Alcubierre. Nell’abstract del suo articolo, pubblicato nel 2000, ha scritto che tutto dipende dallo spaziotempo. “Con un’espansione puramente locale dello spaziotempo dietro l’astronave e una contrazione opposta di fronte ad essa, è possibile un movimento più veloce della velocità della luce vista dagli osservatori al di fuori della regione interessata”.

“La distorsione risultante sembra fantascienza. Servirà materia specifica per generare una distorsione dello spaziotempo”. In teoria, un motore a curvatura sarebbe in grado di funzionare entro i confini della teoria della relatività di Albert Einstein. Un viaggio più veloce della luce di solito richiederebbe una quantità infinita di energia. Tuttavia, tale restrizione si applica solo agli oggetti nello spaziotempo piuttosto che allo spaziotempo stesso.

Navicelle spaziali che superano la velocità della luce, il nuovo progetto ambizioso di un gruppo di scienziati

Il nuovo documento, come riporta Popular Mechanics, fa una distinzione fondamentale dalle nozioni di Alcubierre. Piuttosto che utilizzare “energia negativa“, che non esiste nell’universo, le “bolle” dello spaziotempo potrebbero essere utilizzate per rendere possibile la spinta. L’interno conterrebbe un’area passeggeri, dove il passare del tempo potrebbe funzionare in modo diverso da quello all’esterno del velivolo. “Non puoi rompere la velocità della barriera luminosa per i passeggeri stessi rispetto allo spaziotempo, quindi invece li fai muovere normalmente nella bolla [ma] sposti la bolla stessa in modo superluminale“.

Il professor Hossenfelder afferma che per muoversi più velocemente della luce, il veicolo spaziale stesso richiederebbe densità di energia negativa e l’accelerazione ha bisogno di energia e quantità di moto. Il documento prosegue spiegando altri progetti presi in considerazione, come far sedere i passeggeri uno accanto all’altro piuttosto che uno dietro l’altro, in contrasto con i veicoli spaziali tradizionali. Questo perché la quantità di energia richiesta dipende dalla forma del dispositivo, e più è piatta nella direzione di marcia (nella progettazione di questo motore a curvatura) meno energia è necessaria.

Lo sviluppo di un motore a curvatura è stato un sogno delle agenzie spaziali per molti anni, ma è difficile ottenere risultati tangibili. La Nasa ha tentato di ricercare nuovi metodi di propulsione per i viaggi spaziali, ma non sta lavorando sulla tecnologia necessaria. Nel 2014 l’agenzia ha pubblicato un progetto per un velivolo con un motore a curvatura. Sarebbe stato in grado di viaggiare verso la stella più vicina in quattro settimane rispetto agli attuali 80.000 anni.