hideo-kojima-legend-game-awards

Kojima vince ancora e diventa leggenda. È stata già annunciata la sua premiazione al Game Awards di New York, visibile in Italia la notte tra i 26 e il 27 gennaio. La Game Awards è una cerimonia annuale attiva dal 2014. Situati ogni anno in una città diversa, questa cerimonia è dedicata alla premiazione dei migliori videogame usciti durante l’anno. Si tratta, fondamentalmente, di una sorta di premio Oscar per i videogiochi.

Il premio a Kojima, un uomo che è già leggenda

Hideo Kojima, è da sempre caratterizzato da una spiccata ironia e senso dell’umorismo e ha commentato la sua vittoria in questo modo:

Sono molto grato per aver ricevuto il Legend Award, è un grande onore. La parola leggenda fa pensare a qualcuno con un piede nella fossa, ma fortunatamente non mi sento ancora una “leggenda“, quindi farò del mio meglio per essere all’altezza delle vostre aspettative. Grazie mille.

Per diventare leggende, è necessario compiere delle imprese memorabili e, sebbene Kojima sia ancora un uomo giovane, e ha già compiute molte. Possiamo infatti definirlo il padre dei videogiochi stealth, inventati da lui stesso a partire dai Metal Gear degli anni 80, per poi svilupparsi ulteriormente con la leggendaria (non a caso) saga di Metal Gear Solid che ha fatto la storia dei videogame.

Le numerose idee geniali e le novità che lo sviluppatore ha apportato nel suo settore, ne hanno profondamente influenzato l’intera storia. Basti pensare agli enigmi presenti in MGS1, come il cambio dell’ingresso per il joystick per sconfiggere Psycho Mantis (che è solo un piccolo esempio). Non dimentichiamo inoltre, la famosa demo di Silent Hill chiamata P.T., nata per presentare il videogioco mai realizzato a causa della frattura con Konami. Una demo talmente ben fatta e affascinante, che tutt’oggi se ne parla malgrado sia letteralmente impossibile recuperarla.

Quanto a Death Stranding, Kojima si ritiene soddisfatto dell’operato della sua casa di produzione e ritiene che farà sempre meglio da qui in avanti. Si vocifera che abbia ripreso in mano il progetto di Silent Hill, sebbene siano solo dei rumors. Durante gli Awards non ha fatto cenno a questo, né tantomeno a quale sia il progetto al quale sta lavorando attualmente. Speriamo vivamente di avere maggiori notizie entro quest’anno, ma coloro che conoscono quest’uomo e hanno vissuto le avventure che ha creato, hanno già molta fiducia che il meglio debba ancora arrivare.