Sms

Non sono nuovi i tentativi di truffa a danno di chi ingenuamente crede nella buona fede di qualcuno che invece ha solo cattive intenzioni. Oggi però sembra non ci si possa fidare nemmeno delle proprie banche. In realtà gli istituti di credito non c’entrano nulla in merito agli sms truffa che vengono inviati ai loro clienti sotto mentite spoglie.

 

Intesa Sanpaolo e un sms truffa che mette a rischio il conto corrente dei clienti

Questa volta è toccato a Intesa Sanpaolo fare i conti con un sms truffa che qualche hacker sta inviando a molti dei suoi clienti. Dallo scorso dicembre infatti diversi hanno ricevuto un sms che avvisava di un accesso fraudolento sul conto invitando ad accedere ad un link per risolvere il problema. Ecco il testo: “Gentile cliente, abbiamo rilevato un accesso anomalo al suo conto. Accedi al seguente link per la convalida: […]”.

In sostanza tutti coloro che hanno creduto al messaggio si sono trovati a fare i conti con il rischio di accesso alla home banking personale con furto dei dati. Queste truffe si chiamano “smishing” e non sono altro che phishing attraverso sms. Come per le email, gli hacker inviano un sms che sembra proprio arrivare dalla banca con l’intenzione di mettere a segno il furto dei dati personali o di accesso.

Intesa Sanpaolo, non appena si è accorta del dolo, prontamente ha avvisato i suoi clienti di prestare attenzione a questo sms truffaldino. Come sempre è importante seguire alcuni consigli indispensabili per non cadere vittima degli hacker.

Coloro che hanno ricevuto questo sms devono cancellarlo subito. Un’altra truffa sta colpendo i clienti di questa banca. Sempre un sms invita l’utente a cliccare su un link per essere collegato con un operatore telefonico. Il motivo è sempre lo stesso, con la scusa di un aggiornamento dei dati personali per la sicurezza, il finto operatore cercherà di estorcere informazioni personali. Una volta ricevuto quanto necessario la truffa si concluderà con il prelievo di quanto più denaro possibile dal conto del malcapitato.