Ora che il 2021 è iniziato ormai da un paio di settimane ci siamo chiesti che fine abbia fatto il POCO F2. L’azienda nel 2019 non ha lanciato alcun dispositivo, ritornando successivamente nel 2020.

Ma il caso forse più eclatante è stato quello di POCO F2 Pro: vista l’attesa, per il successore di POCO F1 ci si aspettava qualcosa di forte, ed invece è un rebrand di Redmi K30 Pro. La dirigenza del colosso ha rilasciato una dichiarazione.

 

POCO F2 che fine ha fatto?

Verso la fine del 2020 l’azienda ha confermato di voler rendersi più indipendente da Xiaomi. Decisione che è stata consolidata dal lancio di smartphone decisamente più originali come POCO X3 ed M3. Ma è un’altra, l’affermazione che ha solleticato il palato dei tech entusiasts, ovvero che POCO F2 si farà. L’azienda ha continuato ad alimentare l’hype, per quanto in maniera sibillina, in particolar modo sull’utilizzo dello Snapdragon 732G.

A dare speranza a questa ipotesi ci ha pensato lo steso Anuj Sharma, in occasione di un’intervista rilasciata al leaker Mukul Sharma. Il Country Director della divisione indiana ha smentito le specifiche trapelate finora, compreso l’utilizzo dello Snap 732G. Non si è però sbilanciato sul fornire dettagli sull’hardware e c’è un motivo: POCO F2 non è dietro l’angolo.

Sempre verso la fine del 2020 ha iniziato a circolare un rumor che vedeva in POCO la volontà di lanciare il proprio notebook. Ci volle poco affinché la notizia rimbalzasse in rete e finisse sotto gli occhi di Anuj Sharma, il quale rimase egli stesso sorpreso in quanto non sapeva nulla di un possibile notebook POCO. In soldoni, POCO non sta realizzando un notebook. Dopo aver chiesto conferma alla divisione computing, Anuj ha affermato che quelle certificate sono sì batterie POCO, ma non sono per alcun PC portatile.