Asteroide: è allarme rosso per un nuovo pericoloso impatto con la Terra

La NASA pochi giorni fa ha rasserenato tutti dichiarando che non si correrà alcun rischio di impatto per i prossimi 100 anni. Purtroppo però, per l’ennesima volta è giunto un colpo di scena. D’altronde Nostradamus aveva ragione, un asteroide potrebbe impattare la Terra. Egli disse: “Riesci a vedere il fuoco dal cielo, una lunga scintilla che brucia? Nel cielo puoi vedere il fuoco e una lunga scia di scintille“. Si chiama 2009 JF1, ha un diametro di circa 13 metri ed è uno dei principali pericoli di collisione.

 

Asteroide: l’arrivo di 2009 JF1

Quando l’asteroide arriverà a toccare la Terra? Esattamente il 6 maggio 2022. La Nasa al momento sta tenendo sotto controllo l’asteroide attraverso il sistema Sentry ed ha già calcolato il rischio di impatto con la Terra in base alla dimensione, alla velocità e all’orbita in relazione alla distanza dal sistema solare. Trattasi del quinto corpo celeste per rischio di impatto con la Terra.

Anche l’Esa ha qualcosa da ridire a riguardo: c’è una possibilità su 3800 che colpisca il nostro pianeta. Resta tutto molto incerto visto che, nonostante l’anno della sua scoperta (2009), non si hanno ancora molte informazioni sulla sua orbita.

La Nasa ha voluto precisare: «Alcuni asteroidi e cometi seguono orbite che li portano ad essere attratti più vicini al Sole e, di conseguenza, anche alla Terra». L’effetto dell’impatto potrebbe essere molto simile a quello di un’esplosione di 230 chilogrammi di dinamite.

Fortunatamente però a consolarci troviamo varie agenzie spaziali, le quali hanno provveduto alla pianificazione di missioni per ‘colpire’ gli asteroidi. Tra gli esempi scoviamo l’ambizioso progetto realizzato in collaborazione tra Nasa e Esa: la nave spaziale DART.