coronavirusI nuovi contagi di Covid-19 in Italia nel primo giorno del 2021 sono stati 22’211 (contro i 23477 di ieri), con un incremento del tasso di positività, pari al 14,1%, ovvero corrispondente al rapporto contagi/tamponi, segnale che non è ancora arrivato il momento di abbassare la guardia.

Stando ai dati diffusi dal quotidiano bollettino del Ministero, i decessi registrati sono stati 462 (ieri erano 555), con 16’877 persone effettivamente uscite dall’incubo del Covid-19. I tamponi processati nel corso delle ultime 24 ore sono complessivamente 157’524, numeri leggermente inferiori rispetto alle giornate precedenti. Al momento in Italia abbiamo 574’767 persone effettivamente positive, di queste 22’822 sono ricoverate in ospedale con sintomi, mentre 2’553 sono in terapia intensiva, tutte le restanti sono in isolamento domiciliare.

Dall’inizio della pandemia i contagi complessivi sul nostro territorio sono 2’129’376, con 74’621 decessi e 1’479’988 guariti.

 

Contagi oggi 1/1/2021: i dati diffusi dalle regioni

La regione maggiormente colpita il primo giorno del nuovo anno è nuovamente il Veneto, i contagi odierni sono pari a 4805, al secondo posto sale la solita Lombardia, con un incremento quotidiano di 3’056, per finire poi con l’Emilia Romagna ed i suoi 2629. Sempre sopra quota 1000 si posizionano Piemonte +1058, Campania +1734, Lazio +1913, Sicilia +1122 e Puglia +1395.

Tutte le altre regioni hanno registrato contagi in minor numero, pari rispettivamente a 589 in Toscana, 472 in Liguria, 693 nelle Marche, 410 in Abruzzo, 715 in Friuli Venezia Giulia, 228 in Umbria, 270 in provincia di Bolzano, 365 in Sardegna, 193 in provincia di Trento, 345 in Calabria, 17 in valle d’Aosta, 159 in Basilicata e 106 in Molise.

Come ampiamente comunicato dalle emittenti televisive, l’Italia sarà in zona rossa fino al 4 gennaio, l’unico giorno di zona arancione, per poi proseguire fino all’Epifania.