blankSecondo alcuni sondaggi, più della metà dei consumatori ritiene che Amazon abbia troppo potere. Per 8 persone su 10 l’azienda mira solo all’incremento dei guadagni e poco alla salvaguardia dei lavoratori che rendono tutto possibile.

In un sondaggio rappresentativo di oltre 1.000 persone, l’80% ha affermato che il gigante dello shopping deve “ascoltare le preoccupazioni dei lavoratori sulla sicurezza e sul carico di lavoro“. La ricerca è un’idea dell’agenzia Survation for Progressive International, un’organizzazione anticapitalista mondiale. Il sondaggio, su 1.003 persone mostra anche che il 43% degli utenti crede che Amazon non stia trattando i suoi lavoratori in modo equo soprattutto in questo periodo.

A marzo, all’inizio della pandemia, i magazzinieri di Amazon negli Stati Uniti e in tutta Europa hanno manifestato le loro preoccupazioni per i luoghi di lavoro poco consoni. Con l’aiuto di una petizione, oltre 1.500 dipendenti invitano l’azienda a prendere maggiori misure contro la diffusione del virus. Tra il 2015 e il 2019, più di 600 segnalazioni sono state presentate all’Health and Safety Executive, un ente di regolamentazione del Regno Unito. Alcuni lavoratori dovevano urinare in bottiglie di plastica piuttosto che andare in bagno durante i loro turni per paura di essere licenziati.

Negli Stati Uniti durante la pandemia, Christian Smalls, un supervisore del magazzino Amazon di Staten Island a New York, ha sollevato preoccupazioni per settimane sul personale malato. La direzione ha rifiutato di chiudere temporaneamente il magazzino. Smalls ha organizzato uno sciopero ed è stato licenziato lo stesso giorno. Due mesi dopo, Amazon era sott’accusa per aver utilizzato la tecnologia per sorvegliare i lavoratori e impedire loro di formare sindacati.

Amazon: l’azienda è sempre più potente, più della metà dei consumatori è preoccupata per i lavoratori

Alla domanda se “società da trilioni di dollari, come Amazon, sono troppo potenti”, il 69% delle persone è d’accordo. L’azienda è oggetto di numerosi dibattiti sull’antitrust in Europa e negli Stati Uniti. Le autorità di regolamentazione dell’Unione europea hanno presentato accuse antitrust contro Amazon. L’azienda utilizza i dati per ottenere un vantaggio ingiusto sui commercianti che utilizzano la sua piattaforma. In questo modo durante un periodo come questo in cui gli ordini online sono in forte incremento, Amazon si arricchisce, ma a discapito delle piccole imprese.

Poiché l’imposta viene applicata sui servizi, non sulle vendite, Amazon può trasferire le commissioni alle aziende che utilizzano la sua piattaforma. Apple e Google hanno affermato che trasferiranno la tassa rispettivamente a sviluppatori e inserzionisti. Si spera che anche Amazon farà parte di quest’importante piccolo grande cambiamento.

Un portavoce di Amazon dichiara: “Amazon fornisce alcuni dei luoghi di lavoro più avanzati nel loro genere al mondo, con retribuzioni, processi e sistemi leader nel settore per garantire il benessere e la sicurezza di tutti i dipendenti. Da marzo, abbiamo impiantato ulteriori 150 modifiche significative al processo. Inclusa la fornitura di mascherine e una pulizia aggiuntiva per garantire la salute e la sicurezza dei nostri team”.

“Come per quasi tutte le aziende, ci aspettiamo un certo livello di prestazioni dai nostri associati. Continuiamo a fissare obiettivi di produttività in modo obiettivo, sulla base dei precedenti livelli di prestazioni raggiunti dalla nostra forza lavoro. Rispettiamo i diritti individuali dei dipendenti. Abbiamo una politica della porta aperta che incoraggia i dipendenti a portare i loro commenti, domande e dubbi direttamente al loro team di riferimento”.