profezie-Nostradamus-CoronavirusNon è facile convivere con il Coronavirus e la prospettiva a medio e lungo termine di una vita isolata dal resto del Mondo. Il contagio è arrivato quasi all’improvviso con zone versi, arancioni e rosse a segnare il confine tra noi ed il resto dell’umanità. Eppure qualcosa aleggiava nei riferimenti ad una non meglio precisata “grande peste” ascritta dal profeta Nostradamus in alcune sue importanti rivelazioni.

Nei documenti datati al XV secolo il noto astrologo francese aveva concesso alcune profezie rivelatrici di una componente virulenta che avrebbe compromesso la vita sulla Terra. Al tempo aveva parlato di disagi di natura sanitaria, economica e sociale. Innegabile il fatto poter trovare accese similitudini rispetto a quanto riportato. Ma sembra che questo possa essere soltanto l’inizio. Ecco che cosa è stato detto.

 

Nostradamus voleva lanciare l’allarme sul Coronavirus tramite le sue famose profezie

Il Coronavirus sembra poter essere l’inizio di una lunga catena di eventi che metterà a dura prova la nostra capacità di sopravvivere. Dopo il Covid ci si aspetta – secondo quanto compreso dalle scritture del profeta – l’inizio di una Terza Guerra Mondiale incentivata da dissidi interni alle Nazioni sulla base di motivazioni di estremismo religioso e politico scatenati da atti terroristici e rappresaglie. Il termine della resa incondizionata delle super potenze in gioco si pensa essere datata al prossimo 2025. Ovviamente al momento restano solo teorie.

Più concreta, invece, l’interpretazione delle avversità della natura che nel 2020 si scaglia sull’uomo con inondazioni in Europa ed uragani negli USA. Fatti oltremodo documentati dalle immagini dei testimoni trasmesse nei TG di mezzo mondo.

Ma presto potrebbe tornare a splendere il sereno con un 2031 che segnerà probabilmente l’inizio di una nuova vita. Il progresso in campo medico, infatti, potrebbe garantire una vita migliore per una longevità che andrebbe a superare il limite psicologico dei 100 anni con le scoperte che verranno in questi anni.

Lungi da noi dal considerare fermamente per buone le profezie Nostradamus sul Coronavirus e gli altri futuri avvenimenti diciamo che resta tutto da vedere e che, come sempre, la verità arriva solo dall’informazione certificata ed autorevole.