bancheLe truffe, dal momento in cui avete deciso di avvicinarvi alla rete, sono purtroppo sempre dietro l’angolo e, come tali, possono davvero farvi una bruttissima sorpresa. L’attenzione deve essere sempre posta ai massimi livelli, poiché basta pochissimo per ritrovarsi a tutti gli effetti senza nemmeno un centesimo. Ultimamente le banche italiane sembrano essere prese di mira da malviventi senza scrupoli, pronti a tutto pur di rubare il denaro al prossimo.

Il meccanismo sfruttato da quest’ultimi è sempre legato al cosiddetto phishing, un sistema già visto ed utilizzato anche con le carte ricaricabili PostePay. Il consumatore si ritrova, innanzitutto, a ricevere un messaggio di posta elettronica fittizio, nel quale viene indicato come mittente l’azienda di cui effettivamente dovrebbe essere cliente. Al suo interno si trova un testo altamente preoccupante, tramite il quale il criminale cerca di invogliare la pressione di un link interno, con la promessa che lo aiuterà a cambiare la password o a riattivare l’account, in seguito ad un tentativo di accesso indesiderato.

 

Truffe Banche Italiane: come funzionano

Arrivati a questo punto, l’utente che proseguirà nel collegamento ad un sito internet che a prima vista apparirà identico all’originale, ma che risulterà essere salvato su un server esterno, rischierà davvero una bruttissima sorpresa. Tutti i dati che verranno inseriti, anche solo il cosiddetto login, verranno consegnati nelle mani dei malviventi, i quali poi li potranno utilizzare per accedere al vero profilo, prosciugandolo di ogni risparmio.

Diffidate sempre dai messaggi di posta elettronica, nella maggior parte dei casi sono fittizi e completamente falsificati.