blank

Quand’è che la batteria di un’auto elettrica necessita di essere sostituita? Quand’è che raggiunge un grado di criticità tale da divenire inutilizzabile? Sappiamo che, nel tempo, le batterie sono destinate a logorarsi e a perdere efficienza: ciò non grava solo sulle prestazioni, ma anche sui tempi di ricarica (che diventano più lunghi man mano che i componenti interni alla batteria cominciano a deteriorarsi) e sulla sua durata, scaricandosi molto più velocemente.

Auto elettriche e batterie, quand’è che diventa necessario sostituirle?

In generale, si ritiene che le batterie presenti sulle auto elettriche ed ibride diventino inutilizzabili quando la loro efficienza si riduce all’80% del loro potenziale. Ciò significa che, quando le batterie subiscono un calo del 20% delle prestazioni, dovranno essere sostituite. Ma in quanto tempo le batterie a bordo delle auto elettriche ed ibride perdono il 20% delle proprie prestazioni?

Nel caso delle auto con batterie al Nichel-metallo idruro, queste riescono a funzionare efficacemente per un totale di cinque anni o fino al raggiungimento di 100.000 chilometri percorsi. Una stima, questa, che si basa sul calcolo di quanti chilometri è possibile percorrere con un determinato numero di ricariche (i cicli di ricarica sono, infatti, tra le principali cause di deterioramento delle componenti interni alle batterie) o comunque esprimendo tale durata di percorrenza in anni.

Nel caso delle batterie agli ioni di litio, invece, queste sono garantite per 8 anni o per una certa quantità di chilometri che spazia tra i 100.000 (è il caso di BMW i3 e i8) ed i 300.000 (questo, invece, è il caso della Prius). La Tesla, per esempio, garantisce l’efficienza della propria batteria fino al raggiungimento di 200.000 chilometri.