enelLa solida reputazione di ENEL è minata da una nuova truffa che sfrutta il suo buon nome per scopi illeciti. La società è chiaramente estranea ai fatti contestati che riguardano soltanto un ristretto manipolo di truffatori che agiscono online.

Le autorità hanno rinvenuto una mail in cui si invita la gentile clientela a fornire i propri dati personali sia per quanto riguarda le generalità che le credenziali bancarie. In questo modo si è scoperto un chiaro tentativo di phishing che nonostante le raccomandazioni sta mietendo ancora migliaia di vittime in tutta Italia.

 

La truffa di ENEL è pericolosa per noi e le nostre tasche

La frode è stata scoperta dalla Polizia Postale nel corso del riesame delle email giunte alle mailbox di numerosi clienti. Fa riferimento ad una bolletta falsa che l’utente non avrebbe mai saldato. Una imposta per la quale si rischierebbe il taglio delle fornitura energetica alla propria abitazione. Chiaramente una fake news a più riprese intervallata anche dalla promessa di un ipotetico rimborso.

Molte persone sono entrate in paranoia di fronte alla possibilità di perdere l’utilizzo delle apparecchiature elettriche in casa. Incentivati dalla paura di rimanere senza corrente molti hanno deciso di seguire le direttive del messaggio. Tutti quanti sono finiti con il fornire dati personali che gli hacker hanno usato per svuotare i conti in banca.

Il nostro consiglio è come sempre quello di eliminare la mail dando comunicazione di quanto accaduto alle autorità competenti ed alla stessa società. Quest’ultima saprà indirizzarvi nella giusta direzione sulla base del fatto che la compagnia non invia email tramite posta elettronica ordinaria.