Poste Italiane SMS truffaldinoI clienti di Poste Italiane continuano ad esser presi di mira da malfattori che utilizzano email ed SMS per ingannarli e sottrarre loro dati e risparmi. Le prepagate PostePay e PostePay Evolution, infatti, più volte sono state minacciate da comunicazioni truffaldine. Queste informavano i titolari delle carte di aver riscontrato dei problemi e di non poter più utilizzarle a causa del loro blocco improvviso.

In molte occasioni messaggi di questo tipo sono stati diffusi dai cyber-criminali tramite email contenenti un URL capace di indirizzare le vittime ad una pagina graficamente identica a quella di Poste Italiane. Di recente, però, la truffa si è presentata attraverso un SMS che sfrutta l’indirizzo PosteInfo; utilizzato realmente dall’azienda per fornire codici temporanei e altre informazioni ai suoi clienti. Dunque, aumenta il rischio di cadere in trappola ma nonostante ciò un unico consiglio è sufficiente al fine di proteggere le proprie carte prepagate.

Poste Italiane: clienti a rischio a causa di un nuovo SMS truffaldino!

L’SMS che sta circolando ai danni dei clienti di Poste Italiane potrebbe provocare più vittime rispetto ai classici tentativi di phishing e smishing fino ad ora ideati dai malfattori. In questo caso, infatti, i clienti possono essere tratti in inganno a causa del mittente tramite cui si presenta il messaggio, ovvero: PosteInfo. 

La comunicazione potrebbe inizialmente apparire ufficiale, proveniente effettivamente da parte dell’azienda. In realtà, è sufficiente ricordare che:

Poste Italiane non contatta gli utenti tramite email, SMS o Social per offrire informazioni riguardanti problemi relativi alle carte e ai conti correnti. Soprattutto, non richiede mai di inserire online le proprie credenziali allegando la pagina da utilizzare. 

Tenendo a mente quanto più volte ribadito dalla stessa Poste Italiane; ed evitando di inserire informazioni sensibili in pagine fornite da terze parti, si avrà la possibilità di tutelare dati e denaro. Questi inganni possono essere facilmente evitati eliminando la comunicazione tramite la quale si presentano. Senza le informazioni richieste i malfattori non sono in grado di portare a termine la truffa, che avviene soltanto grazie ai link allegati nei messaggi e alle pagine clone in grado di trafugare i dati lì inseriti.