5gLa rete 5G è appena sbarcata in Italia con Tim e Vodafone a contendersi un terreno particolarmente impervio fatto di nuove offerte e promesse da mantenere. I meno esperti pensano che la velocità teorica sia raffrontabile a quella reale. Non è così per una serie di diversi motivi che dipendono da alcuni fattori discriminanti la velocità di accesso al network. C’è un solo modo per scoprire la vera velocità del nostro operatore.

 

Come scoprire la vera velocità delle offerte 5G

Tenere sotto controllo la qualità della nostra connessione è essenziale. In primo luogo è utile per fornire un feedback al nostro gestore. In seconda battuta è indispensabile per non cadere nella trappola di soluzioni limitate che finiamo col pagare a caro prezzo.

Per fare il test di rete si presuppone l’esistenza di un tool di diagnostica che monitori il traffico in entrata ed in uscita del nostro punto di accesso mobile. Oltre questo si desidera ottenere il dato del ping e del lag, ovvero sia di quei parametri che definisco la rapidità con cui il nostro dispositivo raggiunge la cella più vicina.

Leggi anche:  5G: i limiti della nuova connessione, perché non sarà più veloce del 4G

Tutto ciò si ottiene con un collegamento client – server che passa per la nota utility Speedtest di Ookla. Risulta essere la più utilizzata insieme a nPerf che nel complesso completa il quadro generale della tabella riassuntiva del fattore qualità per i parametri download, upload, Ping.

Funzionalità rilevanti che definiscono con precisione qualità e limiti delle tanto decantate connessioni mobili di ultima generazione. Si ricorda che per apprezzare appieno la velocità della rete occorre uno smartphone 5G con supporto idoneo alla connettività di livello Gigabit Network.