come-registrare-chiamate-da-smartphone-Android

L’utilizzo degli smartphone alla guida è sempre più frequente e i consumatori che effettuano quest’azione non si rendono conto del pericolo a cui vanno incontro; non si tratta solo di un pericolo per il guidatore ma, per i passeggeri presenti e tutti gli altri veicoli che si incrociano sulla strada; è un’azione da non sottovalutare assolutamente, anche se si trattasse di un millesimo di secondo.

Proprio per questo utilizzo troppo frequente, lo Stato ha deciso di prendere e introdurre provvedimenti più rigidi al riguardo; eccovi descritte tutte le proposte.

Smartphone alla guida: ecco quali sono i nuovi provvedimenti

Numerosi studi, hanno rivelato che la maggior parte degli incidenti stradali sono causati dalla distrazione dell’utente di un qualsiasi dispositivo tecnologico; dato che i provvedimenti attuali sembrano non bastare, Santo Puccia (comandante della Polstrada), ha proposto alla Camera delle norme molto più rigide che includerebbero il ritiro immediato della patente.

Leggi anche:  Huawei: l'apertura degli Stati Uniti riguarda solo alcuni prodotti

Di conseguenza, gli utenti che utilizzano un qualsiasi dispositivo tecnologico (smartphone, tablet, ipod e così via) durante la guida di un veicolo e vengono colti in fragrante, rischiano il ritiro della patente e una multa che varia dai 422,00 Euro ai 2.588,00 Euro; anche il deputato della Commissione Trasporti della Camera, Alessandro Morelli, si è dichiarato favorevole alla proposta di Santo Puccia.

Dunque, si consiglia di non utilizzare il proprio dispositivo mentre si è alla guida di un veicolo non solo per non incorrere ad un reato ma, per proteggere la propria vita e quella degli altri perché si tratta di un’azione da non sottovalutare.