5g

I primi telefoni 5G non hanno ancora raggiunto il mercato internazionale, ma Qualcomm ha un nuovo processore pronto per i dispositivi futuri.

La società ha presentato oggi il suo nuovo modem Snapdragon X55 5G in grado di funzionare su reti 2G, 3G e 4G, insieme alle nuove reti ultraveloci 5G. Il processore multimodale da 7 nanometri è il secondo chip 5G prodotto da Qualcomm ma il primo in grado di funzionare su più reti.

Il predecessore dell’X55, l‘X50, è stato presentato due anni fa, ma solo ora sta subentrando nei primi dispositivi mobile. Il chip si collega solo alle reti 5G, il che significa che i produttori di cellulari devono anche includere un secondo modem per 4G, 3G e 2G nei loro dispositivi. L’X55 cambia questo, consentendo alle aziende di acquistare un chip per tutte le reti.

 

Come funziona questo nuovo modem

La connessione 5G promette di aumentare significativamente la velocità, la copertura e la reattività delle reti wireless. Può funzionare  100 volte più velocemente rispetto ad una tipica connessione attuale, e anche più veloce di qualsiasi cosa tu possa ottenere con un cavo fisico in fibra ottica. Aumenterà anche la velocità con cui un dispositivo si connetterà alla rete per avviare il download o il caricamento di un file.

Leggi anche:  La potenza del 5G potrebbe rendere inefficace il WiFi

Gli esperti si aspettano che la tecnologia cambi il modo in cui viviamo e persino creiamo nuovi settori, proprio come il modo in cui 4G LTE ha consentito l’ascesa di app come Uber, Instagram e AirBNB.

Molti dei principali fornitori Android, tra cui Huawei e LG, dovrebbero annunciare telefoni 5G alla fine di questo mese presso il MWC. E Samsung potrebbe sfoggiare il suo primo telefono 5G al suo evento Unpacked mercoledì a San Francisco.

I telefoni 5G iniziali useranno il modem X50 di Qualcomm, che è in grado di scaricare fino ad una velocità di 5 Gbps. Più di 20 aziende stanno preparando oltre 30 dispositivi che utilizzano il chip X50, ha affermato Dhiman.