SKY è stata comprata dalla Comcast per 38,8 miliardi di dollari superando la Disney

Comcast ha vinto un’asta per acquisire la società di telecomunicazioni britannica Sky, aggiudicandosela a 38,8 miliardi di dollari superando anche la 21st Century Fox. La vittoria di Comcast apre la strada all’acquisizione di Sky e dei suoi 23 milioni di abbonati attivi in Europa. Gli azionisti di Sky dovranno ora approvare l’accordo.

Nel corso di quest’anno, Comcast e Fox sono stati bloccati in una battaglia titanica sul loro futuro, che verrà finalmente decisa in questi mesi. L’estate scorsa, l’amministratore delegato della Disney, Bob Iger, ha parlato con Murdoch per l’acquisizione della Fox. La sua prima offerta è stata presentata a dicembre, mentre Comcast in questa primavera. I due fecero diverse offerte, ma dopo che la Disney in seguito aumentò la sua, Comcast abbandonò i suoi piani per acquisire la compagnia di Murdoch.

Ricordiamo inoltre che Fox possiede già una partecipazione del 39% in Sky, ma non era l’unico perchè anche la Comcast era interessata all’acquisizione della società. Ad agosto, i legislatori governativi hanno istituito un’asta per la società, che ha contrapposto Fox contro Comcast. Il procedimento è servito per evitare di creare una situazione di monopolio, consentendo quindi a Comcast di creare una sana concorrenza.

Leggi anche:  Offerte di Amazon per 22 reti sportive di proprietà della Disney

 

L’acquisizione consentirà di difendersi meglio da Netflix e Disney

Il Wall Street Journal nota che grazie a questa vittoria Comcast otterrà un enorme nuovo bacino di clienti internazionali, che a loro volta pagheranno un prezzo molto alto. La guerra di quest’estate ha innescato un aumento delle tariffe per il servizio, che adesso subirà una modifica dei listini e degli abbonamenti già in essere. L’acquisizione fornirà inoltre i principali servizi televisivi e di programmazione di Comcast Sky, che la aiuteranno a competere con aziende come Netflix e Amazon, che comunque investono molto nell’intrattenimento.

In definitiva, si può definire come una sconfitta per la Disney, che sta inoltre lavorando sul proprio servizio di streaming. La società detiene ancora il 39 % della quota di partecipazione della Fox nella società e resta da vedere se riuscirà a resistere.