Twitter come Facebook: anche il social network dei tweet avrebbe venduto dati a Cambridge AnalyticaDopo lo scandalo di Cambridge Analytica, una nuova doccia fredda. Pare, infatti, che siano “in gioco” i dati di oltre 80 milioni di account privati di un altro social network: Twitter. Un nuovo rapporto ha rivelato come l’azienda abbia anche commercializzato l’accesso ai dati.

Dopo che il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, ha testimoniato davanti al Congresso sull’uso improprio dei dati, hanno iniziato a emergere domande su altre piattaforme sociali. Come sappiamo, Cambridge Analytica ha violato la privacy degli utenti per affrontare la campagna di Donald Trump. Nel caso di Facebook, l’accesso ai dati è stato venduto ad un accademico dell’Università di Cambridge, collegato a Cambridge Analytica. Aleksandr Kogan è stato uno di quelli ad aver ottenuto informazioni dagli utenti di Facebook (attraverso un questionario sulla personalità) che Cambridge Analytica ha poi utilizzato.

Aleksandr Kogan ha fondato la sua società commerciale, Global Science Research (GSR), ed è stata proprio quella società a cui è stato concesso l’accesso ai dati pubblici di Twitter, coprendo mesi di pubblicazioni. Tutto questo è stato citato da Twitter in una dichiarazione salvata da Bloomberg:

Nel 2015, GSR ha avuto accesso solo una volta a un campione casuale di tweet pubblici, che corrispondono a un periodo di cinque mesi: da dicembre 2014 ad aprile 2015. Secondo i nostri rapporti, per quanto riguarda una revisione interna, non abbiamo trovato nessun accesso a dati privati ​​su persone che usano Twitter”.

Twitter come Facebook?

Dopo aver venduto il pacchetto dati, la società ha anche dichiarato di aver eliminato Cambridge Analytica e le entità affiliate come inserzionisti. Non ha menzionato quanto GSR gli abbia pagato. In ogni caso, Twitter ha dichiarato di non vendere dati privati ​​di messaggi diretti, quindi non sarebbero stati compromessi gli account.

Allo stesso tempo, in seguito allo scandalo di Facebook, i legislatori hanno chiesto al co-fondatore di Twitter Jack Dorsey e al CEO di Google Sundar Pichai di testimoniare sulle implicazioni della intrusione e violazione dei dati.