eliminare applicazioni Android inutiliHai appena comprato uno smartphone Android all’ultimo grido. Lo accendi, fai la configurazione iniziale e… cosa sono tutte quelle applicazioni? Si chiamano bloatware, letteralmente tradotto in “rigonfiamento del software”, ossia applicazioni inutili che inondano il nostro smartphone rallentandolo pesantemente.

Abbiamo già visto come velocizzare il nostro smartphone attraverso una guida ad hoc che ha preso di mira le applicazioni più avide di risorse. Ma adesso non riusciamo in nessun modo a disinstallare quelle che troviamo appena accendiamo il telefono. Come si può procedere? Esistono due modi, entrambi facili, veloci ma soprattutto efficaci.

Disinstallare applicazioni Android che non ne vogliono sapere

Vi sono delle applicazioni Android molto utili, come quelle che sono state concesse gratuitamente nel PlayStore in questi giorni, ed altre decisamente inutili. Disinstallare un’applicazione è un gioco da ragazzi, questo lo sappiamo. Ci portiamo nel Menu Impostazioni alla voce Applicazioni, le troviamo e con un semplice tocco finiscono nel cestino digitale.

Ma molte volte non è così semplice e spesso ci si trova a scontrarsi con delle applicazioni che proprio non ne vogliono sapere di sparire. Dobbiamo sbarazzarcene ad ogni costo.

Impossibile disinstallare il pacchetto è un amministratore del dispositivo

Il messaggio tipico che ci frena è generalmente quello descritto sopra, ma non in tutti i casi. In questo scenario la soluzione è semplice. Seguiamo questi semplici passaggi ed il gioco è fatto.

  1. Accediamo al menu Impostazioni Telefono
  2. Ci portiamo alla sezione Sicurezza oppure Posizione e sicurezza (a seconda dello smartphone e/o della versione del sistema operativo installato)
  3. Cerchiamo la voce Amministra dispositivo e la selezioniamo
  4. Deselezioniamo l’applicazione che desideriamo disinstallare dall’elenco che appare in primo piano

applicazioni Android che non si disinstallanoA questo punto siamo riusciti a sbloccare applicazioni Android con diritti di amministratore e siamo pronti a procedere normalmente nel processo di disinstallazione manuale. Questo sistema funziona nel 99% dei casi. Nel raro caso in cui invece non fosse possibile procedere in tal senso basta andare in Gestione Applicazioni e scorrere le opzioni disponibili all’interno dell’app di nostro interesse. Qui troveremo la soluzione.

Leggi anche:  Samsung al lavoro su Galaxy SM-A750FN, probabilmente il nuovo Galaxy A8

Sbarazziamoci delle applicazioni Android spazzatura – Per utenti Root

Per eliminare applicazioni Android pre-installate occorre procedere con maniere decisamente forti. Spesso queste applicazioni sono di sussidio ad altri software e sono pertanto necessarie al funzionamento ed alla stabilità del sistema. Ma non in tutti i casi. In questi frangenti occorre adottare le maniere forti e per farlo è necessario avere necessariamente i diritti di root attivi.

Una volta sbloccati i permessi privilegiati per l’accesso root al terminale basteranno delle semplici applicazioni gratuite che ci torneranno senz’altro utili allo scopo. App come Root Uninstaller o Clean Master tornano sempre utili, ma se non volete mettere mano al vostro sistema rischiando di provocare seri danni ed invalidare la garanzia esiste un altro modo che non necessita di root.

Root Uninstaller
Root Uninstaller
Developer: Root Uninstaller
Price: Free

Sbarazziamoci delle applicazioni Android spazzatura – Senza Root

Il nostro smartphone è nuovo ed ancora in garanzia. Non ce la sentiamo proprio di mandare in fumo 2 anni di assistenza ma vogliamo ad ogni costo sbarazzarci di tutte quelle applicazioni inutili. In tal caso possiamo solo disattivare i servizi mettendoli in standby. In questa condizione non rimarranno in memoria o richiederanno risorse per accedere alla rete ed al sistema. Non verranno nemmeno aggiornate e risulteranno invisibli.disattivare applicazioni AndroidPer disattivare le applicazioni Android basta andare su Impostazioni > Applicazioni e cliccare sull’app preinstallata che vogliamo disattivare (nell’esempio Google Drive). Prima di farlo cancelliamo la memoria e la cache oltre che eventuali aggiornamenti installati che occupano inutile spazio.

Perfetto. Missione compiuta. Siamo finalmente riusciti a liberarci dei bloatware che infestano i nostri smartphone. Hai incontrato difficoltà? Ti serve una mano? Faccelo sapere, siamo a tua completa disposizione per ogni evenienza. Ti consigliamo anche di leggere la nostra guida all’anonimato Android grazie alla quale risultare completamente invisibile.