Android P

Android P è appena giunto all’attenzione di tutti dopo essere stato ufficializzato da Google nel corso di queste ultime ore che hanno introdotto in anteprima assoluta tutti i miglioramenti riscontrati nella prima Developer Preview, ora in mano agli sviluppatori.

Ciononostante, alcuni utenti, ed in particolare quelli provenienti dalle line-up Pixel Phone e Google Nexus, non potranno contare sul supporto al nuovo aggiornamento e dovranno eventualmente rivolgersi a soluzioni software alternative, come quelle che il team LineageOS ha recentemente riservato agli utenti Nexus 4 con la release LineageOS 15.1.

Nello specifico, è stato riferito che queste categorie di dispositivi non saranno più supportati all’update Android per questa e per le successive revisioni applicative future, in considerazione del fatto che il supporto biennale per gli aggiornamenti si è risolto come da programma. Ecco i device fuori lista:

  • Google Nexus 5X
  • Google Nexus 6P
  • Google Pixel C

In considerazione di questo elenco, dunque, risulta chiaro che il supporto ai device Google si estende in via esclusiva ai Pixel di prima e seconda generazione, che in Italia vedono la presenza dell’unico modello commerciale Google Pixel 2 XL, ancora in preda ad una serie di problemi ed incessanti lamentale.

Leggi anche:  Android: anche oggi 12000 applicazioni malware infestano i nostri telefoni

Nel frattempo vi ricordiamo che è possibile provare in anteprima assoluta il nuovo launcher Android P attraverso una semplice applicazione che trovate a questo indirizzo.

Ad ogni modo, nel pieno della filosofia di supporto Google, i device continueranno a ricevere le patch di sicurezza mensili. Siete utenti interessati a questo cambiamento? Che cosa ne pensate? Spazio a tutti i vostri personali commenti.