Telepass

Dal 1° luglio 2024, il canone di abbonamento base di Telepass ha subito un incremento drastico. Si è infatti passati da 1,83 a 3,90€ al mese. Ovvero un aumento di oltre il 113% secondo i calcoli di Altroconsumo. Questo rincaro ha così provocato una fuga massiccia di utenti verso servizi concorrenti. Le stime infatti parlano di una perdita tra 400.000 e 500.000 abbonati entro la fine dell’estate. Prima di tutto ciò Telepass contava circa 7 milioni di utenti consumer. Ma il passaggio verso piattaforme alternative come UnipolMove e MooneyGo è stato consistente. Unipol Move, ad esempio, potrebbe aver superato 1,4 milioni di utenti. Mentre Mooney Go ha acquisito decine di migliaia di nuovi clienti.

Nuove sfide per Telepass nel mercato del telepedaggio

Le ragioni dietro l’icremento delle tariffe però non sono state rese pubbliche. Anche se tra le ipotesi vi è la necessità di recuperare l’investimento di un miliardo di euro fatto nel 2020. Ad ogni modo tale decisione sembra essere stata molto avventata. In quanto Telepass sicuramente non aveva previsto una così rapida migrazione dei suoi utenti. L’azienda ha cercato di frenare la fuga offrendo un anno di canone gratuito e quote di cashback. Ma molti clienti potrebbero comunque decidere di abbandonare il servizio una volta terminata la promozione. L’80% delle entrate dell’ azienda proviene ancora dai pedaggi. Di conseguenza la perdita di persone potrebbe avere un impatto notevole sui suoi guadagni.

La mossa di Telepass di raddoppiare il canone in un momento in cui la concorrenza è in forte espansione appare quindi rischiosa. Oltre alla crescita di UnipolMove e MooneyGo, il mercato potrebbe vedere l’ arrivo di moltissimi altri attori. Come TargaGo, che offre un servizio senza canone, e Poste Italiane, che sta valutando l’ingresso in questo settore. La concorrenza agguerrita e l’offerta di soluzioni più economiche potrebbero così mettere ulteriormente in difficoltà la società. Il suo futuro dipenderà dalla sua capacità di adattarsi e innovarsi in un ambito sempre più esteso rispetto al passato, in cui si trovava a operare come unico protagonista.

Articolo precedenteStellantis lancerà 36 modelli ibridi entro il 2026
Articolo successivoTruffa, messaggio phishing: il testo che svuota le carte di credito