Lasciare lo smartphone in carica la notteChi, almeno una volta nella vita, non ha caricato il proprio smartphone di notte mentre era poggiato sul comodino accanto a noi?

Eppure, dall’avvento di questo meraviglioso fenomeno della tecnologia, ci è sempre stato consigliato di non farlo. Perché?

I motivi per smettere di caricare lo smartphone di notte

Le motivazioni per non farlo si dividono in due grandi gruppi: da una parte ci sono i motivi legati ai rischi per la nostra salute e dall’altra i pericoli per il nostro cellulare.

Nei telefonini moderni si è cercato di ovviare a questi pericoli. Infatti gli smartphone sono dotati di batterie agli ioni di litio e di un apposito chip che arresta la ricarica una volta che si è raggiunto il 100 %, bloccando il passaggio di energia. Da questo punto di vista non c’è nessun problema a lasciare il telefono in carica tutta la notte, poiché la batteria non si usurerà.

Tuttavia, le batterie sono acerrime nemiche delle alte temperature (non dovrebbero superare i 35-38 °C). Gli smartphone si surriscaldano molto velocemente e questo potrebbe causare dei grossi danni. Difatti, è consigliabile lasciare il cellulare in carica su superfici fresche e mai accanto a fonti di calore.

Addormentarsi con il telefono in carica sul letto, esporrebbe lo stesso ad un lento surriscaldamento durante tutta la notte. Ciò potrebbe causare lo scoppio dello smartphone con serie conseguenze per la persona coinvolta nell’incidente.

Per concludere è sempre consigliato non tenere il proprio cellulare in carica la notte sul comodino ed evitare di caricarlo troppo spesso fino al 100%, poiché questo potrebbe causare la prematura usura della batteria.

 

 

 

Articolo precedenteViaggi interstellari, ecco quando potremo farli secondo la scienza
Articolo successivoTIM, le rimodulazioni che rialzano i costi per i clienti