Il nucleo della Terra si sta fermando

La rotazione del nucleo interno della Terra potrebbe essersi fermata e potrebbe anche andare al contrario, suggerisce una nuova ricerca.

La Terra è formata dalla crosta, dal mantello e dal nucleo interno ed esterno. Il nucleo interno solido si trova a migliaia di km sotto la crosta terrestre ed è separato dal mantello semisolido dal nucleo esterno liquido, che consente al nucleo interno di ruotare a una velocità diversa dalla Terra stessa.

Il nucleo della Terra ha all’incirca le dimensioni di Marte. Consiste principalmente di ferro e nichel e contiene circa un terzo della massa terrestre.

Nella ricerca pubblicata lunedì sulla rivista Nature Geoscience, Yi Yang, ricercatore associato presso l’Università di Pechino, e Xiaodong Song, professore ordinario dell’Università di Pechino, hanno studiato le onde sismiche dei terremoti che hanno attraversato il nucleo interno della Terra lungo percorsi simili dagli anni ’60 a dedurre quanto velocemente gira il nucleo interno.

Quello che hanno trovato è stato inaspettato, hanno detto. Dal 2009, le registrazioni sismiche, che in precedenza sono cambiate nel tempo, hanno mostrato poche differenze. Questo, dissero, suggeriva che la rotazione del nucleo interno si fosse fermata.

Le parole preoccupate degli scienziati

Ci sono state osservazioni sorprendenti che indicano che il nucleo interno ha quasi cessato la sua rotazione nell’ultimo decennio, ma potrebbe di nuovo accellerare“, hanno scritto nello studio.

“Se guardiamo il decennio che va dal 1980 e il 1990 vedi un chiaro cambiamento, ma quando si vede dal 2010 al 2020 non si nota molto“, ha aggiunto Song.

La rotazione del nucleo interno è guidata dal campo magnetico generato nel nucleo esterno ed è bilanciata dagli effetti gravitazionali del mantello. Sapere come ruota il nucleo interno potrebbe far luce su come questi strati interagiscono e su altri processi nelle profondità della Terra.

Tuttavia, la velocità di questa rotazione è dibattuta, ha detto Hrvoje Tkalcic, un geofisico dell’Australian National University, che non è stato coinvolto nello studio. “Il nucleo interno non si ferma completamente“, ha detto. La scoperta dello studio, ha detto, “significa che il nucleo interno è ora più sincronizzato con il resto del pianeta rispetto a dieci anni fa, quando ruotava un po’ più velocemente”.

Song e Yang sostengono che, sulla base dei loro calcoli, un piccolo squilibrio nelle forze elettromagnetiche e gravitazionali potrebbe far rallentare e persino invertire la rotazione del nucleo interno. Credono che questo faccia parte di un ciclo di sette decadi e che il punto di svolta prima di quello che hanno rilevato nei loro dati intorno al 2009/2010 sia avvenuto nei primi anni ’70.

FONTEmsn
Articolo precedenteAddio 5G benvenuto 6G: come funziona la connessione che rivoluzionerà gli smartphone
Articolo successivoL’orologio dell’Apocalisse è arrivato a 90 secondi da mezzanotte, il punto più basso nella storia
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it