passwordIl sogno di molti di dover usare solamente una sola password per tutti gli account di cui si dispone si sta finalmente avverando. Quanto sarebbe fantastico rinunciare a una singola password per ogni account social, posta e abbonamenti vari? In questo modo potremmo finalmente disfarci di tutti quei file dove tenevamo custodite le nostre password o addirittura sui fogliettini e post-it.

Questa nuova realtà si chiama Passkey ed è un sistema a cui stanno lavorando Apple, Google e Microsoft. Parliamo essenzialmente di una password unica che viene digitata, proprio come quando abbiamo intenzione di sbloccare un normale smartphone, ossia con il riconoscimento biometrico o un semplice PIN.

 

 

Passkey, possiamo definitivamente dire addio a decine di password per i vari account?

Nello specifico, abbiamo a che fare con una password che consente l’accesso ad un server (dove dobbiamo avere chiaramente un account), il quale a sua volta contiene le password per ogni sito a cui ci siamo registrati. Quando accediamo al servizio, il sistema controlla che la password salvata nel server e quella nel dispositivo siano la stessa, così poi da consentirci l’autenticazione.

La teoria è molto più difficile della pratica, che risulterebbe piuttosto rapida. Possiamo fare un paragone con l’uso della carta di credito, un processo che richiede varie fasi di autenticazione, le quali però non coinvolgono l’utente in nessun modo. Secondo Derek Hanson, vicepresidente di Yubico, società che sta lavorando all’architettura del sistema “l’esperienza più o meno la stessa ovunque si vada“.

È inutile notare che i vantaggi sono piuttosto palesi. In più, nell’ottica sicurezza, Passkey ci consente di avere: una password per ogni servizio che utilizziamo (in caso di violazione i danni provocati da un hacker potrebbero essere quindi decisamente di minore portata) e permette di poter abbinare la porzione di password presente nei server a quella presente nel dispositivo in utilizzo, così da rendere decisamente più difficile un eventuale attacco hacker.

Articolo precedenteCaricatore USB 33W Super-VELOCE con display a 18 euro su Amazon
Articolo successivoLidl fuori di testa, gli sconti di gennaio 2023 al 70% con la tecnologia inclusa
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.