Asteroidi, trovato un nuovo modo per salvarsi dal loro attacco

La ricerca condotta dalla Curtin University ha voluto approfondire lo studio sulla resistenza di un antico asteroide fatto di macerie rocciose, rivelando scoperte significative che potrebbero contribuire a salvare il pianeta.

Asteroidi: da dove viene Itokawa?

Il team internazionale ha studiato tre particelle di polvere raccolte dalla superficie di Itokawa, un antico asteroide dalle dimensioni paragonabili a quelle del Ponte di Brooklyn.

I risultati hanno dimostrato come l’asteroide sia molto difficile da distruggere ed abbia una notevole resistenza alle collisioni, oltre ad essere antico quasi quanto il sistema solare stesso. Il prof. Nick Timms ha spiegato che la durabilità di questi asteroidi era finora sconosciuta, mettendo a dura prova la capacità di progettare strategie di difesa in caso di collisione con la Terra. Gli scienziati, tuttavia, sostengono che queste informazioni possono essere utilizzate a nostro vantaggio, ad esempio, utilizzando un’onda d’urto di un’esplosione nucleare per spingere l’asteroide fuori rotta, ma senza distruggerlo.

Itokawa è un asteroide appartenente alla famiglia dei cumuli di macerie, il che significa che è composto da massi e rocce fuse tra loro, con una grande percentuale di spazio vuoto al suo interno. Quindi a differenza degli asteroidi monolitici, Itokawa non è un singolo blocco di roccia ma un insieme di frammenti. La sua origine risale a almeno 4,2 miliardi di anni fa, dopo un impatto devastante che ha distrutto l’asteroide progenitore. L’età di Itokawa è estremamente avanzata rispetto agli standard degli asteroidi, che generalmente hanno solo diverse centinaia di migliaia di anni.

“Ora che abbiamo scoperto che possono sopravvivere quasi quanto il sistema solare stesso, abbiamo anche capito che possono essere molto più numerosi di quanto si pensasse in precedenza, giustificando una conoscenza maggiore nei loro confronti”, ha concluso il prof. Timms.

Articolo precedenteAllucigenia, ecco com’era fatto il verme marino ormai estinto
Articolo successivoGrande Piramide di Giza, il suo contenuto vi lascerà a bocca aperta
Melany Alteri
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.