Visori notturni e termici, ecco quali scegliere in base alla luce a disposizione

I visori notturni e termici sono dispositivi progettati per consentire la visione di oggetti in condizioni di scarsa o nulla visibilità. Mentre il nostro occhio funziona come una telecamera, i visori utilizzano sensori per rilevare e amplificare la radiazione luminosa o percepire la radiazione termica.

Visori notturni e termici: le differenze tra i due dispositivi

I visori notturni, noti anche come Night Vision Goggles (NVG) o amplificatori di luminosità, fungono come una normale videocamera o come il nostro occhio, amplificando anche le minime quantità di radiazione luminosa. Tuttavia, essendo simili per funzionamento all’occhio umano, hanno limiti fondamentali come l’impossibilità di funzionare in assenza di fonti luminose e l’essere abbagliati in caso di troppa luminosità.

I sistemi di percezione della radiazione termica, noti come termovisori, invece, utilizzano la radiazione infrarossa emessa dai corpi per creare un’immagine termica. Questi sistemi sono più complessi e costosi rispetto agli amplificatori di luminosità, ma sono in grado di funzionare anche in condizioni di totale assenza di luce e non sono influenzati dalla luminosità esterna. Inoltre, i termovisori possono rilevare la temperatura dei corpi e creare immagini termiche attraverso la radiazione infrarossa, rendendoli utili per molte applicazioni, tra cui la ricerca e salvataggio, la navigazione marittima, la sicurezza e la sorveglianza.

Il funzionamento di un termovisore è basato su una tecnologia nota come termografia e si serve di un sensore termico che rileva la radiazione infrarossa emessa dai corpi convertendola in secondo tempo in un segnale elettrico. Quest’ultimo viene elaborato da un addetto per realizzare un’immagine termica. Le immagini create da un termovisore mostrano la distribuzione della temperatura su un oggetto o una scena, con zone calde che appaiono di solito in rosso o giallo e zone fredde in blu o verde.

Concludiamo dicendo che i termovisori sono utilizzati in molte applicazioni, tra cui la sicurezza, la navigazione, la ricerca e il salvataggio, la manutenzione industriale e la sorveglianza della fauna selvatica.

Articolo precedenteOrologi meccanici, svelato il meccanismo che muove le lancette e ci indica l’ora
Articolo successivoIntercettazioni telefoniche, i trucchi per capire se ti stanno ascoltando
Melany Alteri
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.