tempo per ricaricare le batterie delle auto elettriche

Le batterie delle auto elettriche hanno un tempo di ricarica lungo quando si utilizza una presa di corrente standard. I veicoli elettrici hanno sistemi di batterie grandi e complicati che devono contenere molta energia, motivo per cui ci vuole tempo. Con la più recente tecnologia di ricarica, tuttavia, puoi ricaricare un’auto in soli 30-40 minuti.

Ma perchè ci vuole così tanto tempo? La maggior parte delle stazioni di ricarica funziona con una corrente alternata simile a quella domestica. Ma ci sono opzioni alternative attualmente disponibili. Tuttavia, queste opzioni tendono ad essere molto più costose.

Il proprietario medio di un’auto elettrica in genere non può permettersi di acquistare una stazione di ricarica a corrente continua. Sono molto più veloci della corrente domestica, ma costeranno decine di migliaia di euro in più.

Perché le auto elettriche non possono ricaricarsi più velocemente?

Le batterie dei veicoli elettrici si esauriscono nel tempo. Questa è una realtà che non può essere evitata, poiché vengono utilizzate in un modo che le priva di energia più rapidamente.

Sebbene siano disponibili opzioni di ricarica rapida, non vengono utilizzate a causa di problemi relativi alla batteria.

Il proprietario di un veicolo elettrico ha tre opzioni tra cui scegliere al momento:

  • Possono utilizzare una tipica presa a muro,
  • un caricabatterie CA che è stato dedicato a questo compito in particolare
  • caricabatterie CC rapido.

La presa a muro funziona perfettamente, sono molti i proprietari di veicoli elettrici che fanno affidamento su questa soluzione. C’è solo un problema: il tempo di ricarica verrà misurato in giorni, non in ore.

Mentre il caricabatterie EV dedicato funziona un po’ più velocemente, ma la ricarica rapida CC è la scelta più rapida di tutte. Quindi perchè non possono essere ricaricate sempre in modo veloce?

Le batterie agli ioni di litio hanno molte più probabilità di degradarsi nel tempo quando sono esposte a maggiori quantità di calore.

FONTEmotorandwheels
Articolo precedenteTrasformatori a bassa, media e alta tensione, ecco cosa sono e perchè sono indispensabili
Articolo successivoUnieuro spaventosa, offerte quasi gratis con articoli all’80%
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it