cristalli di salgemma

Un’incredibile scoperta ci sta avviciando a comprendere il motivo per cui si è formata la vita sulla Terra miliardi di anni fa.

Un team di geologi ha appena scoperto minuscoli resti di vita procariotica e algale, intrappolati all’interno di cristalli di salgemma risalenti a 830 milioni di anni fa.

L’alite è cloruro di sodio, noto anche come salgemma, e la scoperta suggerisce che questo minerale naturale potrebbe essere una risorsa precedentemente non sfruttata per lo studio di antichi ambienti di acqua salata. Inoltre, gli organismi intrappolati al suo interno potrebbero essere ancora vivi.

Lo straordinario studio ha anche implicazioni per la ricerca della vita antica, non solo sulla Terra, ma in ambienti extraterrestri, come Marte, dove grandi depositi di sale sono stati identificati come prova di antichi serbatoi di acqua liquida su larga scala.

Gli organismi non hanno l’aspetto che potresti aspettarti. Ci sono prove di microfossili antichi sono stati trovati premuti in formazioni rocciose, come lo scisto, risalenti a miliardi di anni fa. Il sale non è in grado di conservare la materia organica allo stesso modo.

Invece, quando i cristalli si formano in un ambiente di acqua salata, piccole quantità di fluido possono essere intrappolate all’interno. Queste sono chiamate inclusioni fluide e sono i resti delle acque madri da cui si è cristallizzato il salgemma.

Questo le rende scientificamente preziose, poiché possono contenere informazioni sulla temperatura dell’acqua, la composizione chimica dell’acqua e persino la temperatura atmosferica al momento della formazione del minerale.

Gli scienziati hanno anche trovato microrganismi che vivono in ambienti recenti e moderni dove si forma l’alite. Questi ambienti sono estremamente salati; tuttavia, microrganismi come batteri, funghi e alghe sono stati trovati prosperare in essi.

Inoltre, sono stati documentati microrganismi in inclusioni fluide in gesso e salgemma, per lo più moderni o recenti, con una manciata risalente a tempi antichi. Tuttavia, il metodo per identificare questi antichi organismi ha lasciato qualche dubbio sul fatto che abbiano la stessa età.

Una scoperta eccezionale

Pertanto, una domanda è persistita tra i geomicrobiologi“, ha scritto un team guidato dalla geologa Sara Schreder-Gomes della West Virginia University. “Quali sono le rocce sedimentarie chimiche più antiche che contengono microrganismi procarioti ed eucarioti dall’ambiente deposizionale?”

Il centro dell’Australia adesso è deserto, ma un tempo era un antico mare salato. La Formazione Browne è un’unità stratigrafica ben caratterizzata e datata dell’Australia centrale, risalente al Neoproterozoico. Comprende salgemma esteso, indicativo di un antico ambiente marino.

Utilizzando un campione centrale della Formazione Browne estratto dal Geological Survey of Western Australia nel 1997, Schreder-Gomes e i suoi colleghi sono stati in grado di condurre indagini sull’alite neoproterozoica inalterata utilizzando nient’altro che metodi ottici non invasivi. Ciò ha lasciato intatta la salgemma; il che, cosa importante, significa che qualsiasi cosa all’interno doveva essere stata intrappolata al momento della formazione dei cristalli.

Hanno usato la petrografia a luce trasmessa e ultravioletta, prima a basso ingrandimento per identificare i cristalli di salgemma, poi fino a 2.000 ingrandimenti per studiare le inclusioni fluide al loro interno.

All’interno, hanno trovato solidi e liquidi organici, coerenti con cellule procariotiche ed eucariotiche, in base alla loro dimensione, forma e fluorescenza ultravioletta.

FONTEsciencealert
Articolo precedenteL’esperimento dei topi lanciati nello spazio che ha sconvolto gli scienziati
Articolo successivoiPad Pro OLED saranno lanciati soltanto nel 2024
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it