The Last of Us, il fungo della serie tv esiste davvero e questi sono i suoi effetti

La nuova serie TV di “The Last of Us” ha attirato l’attenzione di tutti i fan del videogioco, che hanno potuto assistere alla prima puntata. Nell’opera, il fattore scatenante della pandemia di infetti è un fungo che esiste davvero nella realtà: l’Ophiocordyceps. Questo è noto come il “fungo zombi” a causa del modo in cui infetta e controlla il suo ospite, infettando le formiche e prendendo il controllo del loro corpo, spesso portandole a un punto alto da cui possono “esplodere” e diffondere le spore in altre prede.

The Last of Us: alla ricerca della verità sul fungo

All’inizio della serie HBO, viene spiegato chiaramente che il fungo (attualmente) non rappresenta un pericolo per noi poiché non è adatto alle temperature del corpo umano. Tuttavia, c’è la possibilità che questi parassiti possano evolversi per abituarsi alle temperature più calde, come ad esempio a causa del cambiamento climatico.

Il primo esempio di una malattia fungina “aiutata” dal cambiamento climatico è stato suggerito tempo fa, in un rapporto sull’aumento della Candida auris in tre continenti. Il fungo ha avuto successo nell’infettare gli esseri umani in più continenti, ciò suggerirebbe che la C. auris abbia superato una delle due principali debolezze di questi miceti: la risposta immunitaria e la temperatura.

Inoltre, è stato ipotizzato che un fungo possa essere stato alla base delle allucinazioni durante il processo delle streghe di Salem e che un’evoluzione del genere da parte dell’Ophiocordyceps non sia da sottovalutare. Attualmente, una delle minacce più realistiche per noi è rappresentata da un fungo che attacca il nostro approvvigionamento alimentare, come le banane. In ogni caso, al momento non c’è alcun pericolo poiché la fisiologia degli insetti è molto meno “avanzata” rispetto alla nostra e quindi non c’è motivo di temere che un fungo parassita possa prendere il controllo del nostro corpo e trasformarci in “clicker”.

Articolo precedenteIl 6G è un sogno per gli italiani? Molti pensano che sarà disponibile già dal 2030
Articolo successivoVodafone FTTH arriva finalmente anche in queste città
Melany Alteri
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.