Twitter

Twitter ha confermato che l’interruzione del client di terze parti era intenzionale. Dopo aver tenuto gli sviluppatori e gli utenti di questi client all’oscuro per quasi una settimana, la piattaforma di microblogging ha finalmente rivelato il motivo dietro questa scelta.

Twitter, in un post, scrive che sta “applicando nuove regole alle API di lunga data“, il che “potrebbe comportare il mancato funzionamento di alcune app“. Mentre la dichiarazione chiarisce che l’interruzione è stata intenzionale, il post manca di informazioni: non si sa come utilizzare queste API o come si collegano alle app a cui è stato limitato l’accesso.

La risposta arriva dopo quasi una settimana da quando le app di terze parti come Tweetbot e Twitterific hanno smesso di funzionare lo scorso giovedì.

Una decisione necessaria?

La risposta imprecisa di Twitter all’interruzione potrebbe anche essere il risultato della mancanza di un adeguato team di comunicazione. Il CEO Elon Musk, in meno di un mese dal suo ingresso, ha annunciato tagli ai posti di lavoro, incluso il team di comunicazione dell’azienda. Secondo quanto riferito, il dipartimento di Twitter in Germania non ha alcun team di comunicazione.

Il co-creatore di Tweetbot Paul Haddad ha dichiarato a The Verge di non essere a conoscenza di alcuna regola API di questo tipo. “Se c’è qualche regola di vecchia data che abbiamo inconsapevolmente infranto negli ultimi 10+ anni, ci piacerebbe sapere di cosa si tratta in modo che, se possibile, possiamo rispettarla“, è stato citato dal sito web.

All’inizio di questa settimana, c’è stato un rapporto di The Independent, che citava un ingegnere senior di Twitter. Il funzionario ha informato che l’interruzione era intenzionale ma non ha fornito ragioni per cui è avvenuta. Si dice che la società stia lavorando con “partner approvati” ma non è chiaro quando verrà annunciata la decisione.

FONTEmsn
Articolo precedenteGPTZero, uno studente ha creato un’app in grado di smascherare le ChatGPT
Articolo successivoTIM e i nuovi rincari sui costi: queste tariffe cambiano nel 2023
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it