Nella Creta minoica e nella Grecia micenea

Un team di ricercatori internazionali che ha analizzato i genomi di antichi resti umani ha scoperto che, a differenza di altre società europee dell’epoca, i primi cugini nella Creta minoica e nella Grecia micenea si sposavano spesso.

Gli esperti del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia, in Germania, insieme a un team internazionale di partner, hanno analizzato più di 100 genomi di persone dell’età del bronzo dell’Egeo.

Il team dietro lo studio, pubblicato lunedì sulla rivista scientifica Nature Ecology & Evolution, afferma che le loro scoperte forniscono “intuizioni entusiasmanti” sull’ordine sociale dell’età del bronzo dell’Egeo.

Analizzando il DNA di persone sepolte in una tomba sotto il cortile di una casa in un borgo miceneo, sulla terraferma greca, i ricercatori sono riusciti a ricostruire l’albero genealogico dei suoi abitanti dal XVI secolo a.C.

L’archeologo professor Philipp Stockhammer, uno degli autori principali dello studio, ha dichiarato alla CNN:Volevamo dare un’occhiata a come le persone sepolte insieme erano geneticamente correlate e su cosa si può imparare sulla rilevanza della parentela genetica per la struttura della società“.

Cosa succedeva tra i cugini

Siamo riusciti a costruire il primo pedigree familiare. Abbiamo potuto vedere, ad esempio, che   tre figli hanno vissuto da adulti in una casa. Uno dei coniugi ha portato sua sorella e un bambino. È un gruppo molto complesso di persone che vivono insieme”.

Ancora più sorprendente è stata la scoperta che circa la metà di coloro che vivevano sulle isole sposavano i loro cugini, mentre la proporzione sulla terraferma era di circa un terzo.

“Non è vero al 100%, ma non tutti hanno un cugino”, ha detto Stockhammer. “Le persone hanno studiato migliaia di genomi ancestrali e non c’è quasi alcuna prova per le società del passato del matrimonio tra cugini. Da una prospettiva storica questo è davvero eccezionale“, ha aggiunto.

Stockhammer ei suoi colleghi ritengono che tali unioni fossero dovute all’economia, per impedire la divisione della terra familiare.

Al contrario, in altre parti dell’Europa dell’età del bronzo, le donne spesso viaggiavano per centinaia di km per sposarsi.

FONTEmsn
Articolo precedenteBatterie, è arrivato il passaporto che protegge l’ambiente
Articolo successivoMonete rare che possono valere una fortuna, ecco la 10 Lire
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it