Software Spia utilizzato per monitorare i dipendenti

Un tribunale civile in Canada ha stabilito che una dipendente dovrebbe risarcire il suo ex datore di lavoro per “furto di tempo” perché il software spia aveva calcolato che aveva travisato le ore lavorate.

Ragioniera della Columbia Britannica, Karlee Besse in un primo momento ha affermato di essere stata licenziata dal suo lavoro senza motivo l’anno scorso e ha fatto causa per un risarcimento di 5.000 dollari canadesi per salari non pagati e la liquidazione.

Ma ora deve risarcire il suo ex datore di lavoro, Reach CPA, per un importo di 2.499 dollari canadesi in salari e un anticipo da parte dell’azienda, dopo che il tribunale ha concordato con la società che Besse aveva registrato più di 50 ore che “non sembravano aver speso sulle mansioni legate al lavoro”.

È stato rivelato in tribunale che Reach CPA aveva utilizzato TimeCamp sul computer di Besse dopo aver scoperto che il suo lavoro era andato oltre i limiti di tempo ed era fuori budget. Il software tiene traccia di come i dipendenti trascorrono il loro tempo, monitorando ad esempio per quanto tempo un documento è aperto e come lo utilizzano.

Un fenomeno nato dopo il covid

TimeCamp, ha sentito il tribunale, dopo un’analisi dei suoi registri, ha riscontrato “delle irregolarità identificate tra le sue schede attività e i registri di utilizzo del software“.

Besse ha detto di aver stampato copie cartacee del suo lavoro, che il software non aveva preso in considerazione. Il rappresentante di Reach CPA ha risposto che anche il software era collegato alla stampante e monitorava una piccola attività di stampa.

Besse ha detto al tribunale che era preoccupata che il software non facesse distinzioni tra lavoro e uso personale, ma Reach CPA ha mostrato come TimeCamp ha separato i registri orari per il lavoro da attività come l’utilizzo del laptop per lo streaming di film e programmi televisivi.

A seguito dell’aumento del lavoro da casa durante e dopo la pandemia, le aziende monitorano sempre più i propri lavoratori.

La ricerca britannica dell’anno scorso condotta dal CIPD e dallo specialista tecnologico delle risorse umane HiBob ha mostrato che più della metà dei capi (55%) è d’accordo con la raccolta di informazioni sui lavoratori domestici, compresa la quantità di tempo trascorso ogni giorno sui laptop e i comportamenti di invio di e-mail per identificare il rischio di esaurimento.

Tuttavia, solo tre leader su 10 (28%) hanno riferito che le loro organizzazioni utilizzavano software per monitorare la produttività dei telelavoratori. Laddove era in atto il monitoraggio sul posto di lavoro, il CIPD e HiBob hanno esortato i datori di lavoro a essere chiari con il personale su ciò che viene esaminato e perché.

FONTEpersonneltoday
Articolo precedenteCosa significa Edge Computing e perchè è il futuro dell’Internet Of Things
Articolo successivo50 anni fa nasceva il Micral francese, il primo pc Intel che rivoluzionò il mercato
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it