La tecnologia applicata al settore sanitario

Ovunque guardiamo nel settore sanitario, stanno nascendo nuove tecnologie utilizzate per combattere le malattie, sviluppare nuovi vaccini e medicinali e aiutare le persone a vivere una vita più sana.

Negli ultimi due anni, molte aziende tecnologiche si sono concentrate sull’applicazione della loro esperienza per risolvere i problemi causati dalla pandemia globale. Allo stesso tempo, molte aziende sanitarie che non sarebbero state necessariamente considerate tradizionalmente aziende tecnologiche hanno rivolto la loro attenzione verso questo settore.

È chiaro che la pandemia ha accelerato la digitalizzazione del settore sanitario. Secondo l’HIMSS Future of Healthcare Report, l’80% degli operatori sanitari prevede di aumentare gli investimenti in tecnologia e soluzioni digitali nei prossimi cinque anni. Continueremo a vedere la crescita in aree tra cui telemedicina, medicina personalizzata, genomica e dispositivi indossabili, e l’intelligenza artificiale (AI), il cloud computing, l’extender reality (XR) e l’Internet delle cose (IoT) per sviluppare e fornire nuovi trattamenti e servizi.

Durante i primi mesi della pandemia, la percentuale di visite sanitarie effettuate a distanza è passata dallo 0,1% al 43,5%. Gli analisti di Deloitte affermano che la maggior parte di noi è soddisfatta di questo e continuerà a utilizzare le visite virtuali.

Le ragioni di questo aumento sono ovvie, ma anche quando eliminiamo le malattie trasmissibili dall’equazione, ci sono molte buone ragioni per sviluppare capacità di esaminare, diagnosticare e curare i pazienti a distanza. Nelle regioni remote e nei luoghi in cui vi è carenza di medici (come Cina e India) questa tendenza ha il potenziale per salvare vite umane ampliando notevolmente l’accesso alle cure mediche.

Un settore in continua espansione

Per ottenere ciò, le tecnologie indossabili di nuova generazione sono dotate di rilevatori di frequenza cardiaca, stress e ossigeno nel sangue, e ciò consente agli operatori sanitari di monitorare accuratamente i segni vitali in tempo reale. La pandemia ha persino visto la creazione di “reparti ospedalieri virtuali” in cui l’infrastruttura di comunicazione centralizzata viene utilizzata per supervisionare il trattamento di numerosi pazienti, tutti nelle loro case. Una forma avanzata di questa idea può essere vista nel progetto pilota “Virtual ER” in fase di sviluppo presso il Pennsylvania Center for Emergency Medicine.

Nel 2022 è probabile che i metodi sviluppati durante la pandemia per gestire i pazienti in modo sicuro e remoto si espandano in altre aree dell’assistenza sanitaria, come la salute mentale e la fornitura di cure continue per i pazienti che si stanno riprendendo da operazioni e malattie gravi. I robot e l’IoT sono parte integrante di questa tendenza e la tecnologia intelligente (apprendimento automatico) avviserà i medici quando i sensori rileveranno che è necessario un intervento o le telecamere rilevano che una persona anziana è caduta in casa.

La telemedicina ha il potenziale per migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria in un mondo in cui metà della popolazione non ha accesso ai servizi essenziali (secondo l’OMS). Ma questo dipende dalla conquista della fiducia del pubblico: ci sono alcune situazioni in cui molte persone sentono ancora che è necessaria un’interazione di persona con gli operatori sanitari, quindi i fornitori dovranno tenerne conto quando implementano i servizi.

 

FONTEforbes
Articolo precedenteAumento dei casi di cancro nelle persone inferiori a 50 anni, ecco il motivo principale
Articolo successivoMovano Health annuncia Evie, il primo anello intelligente pensato per la salute della donna
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it