La Cina sta lanciando razzi nello spazio

Il successo della missione Artemis 1 ha portato risultati sicuramente positivi presso gli uffici della NASA, con il ritorno della navicella Orion presso il Kennedy Space Center, è arrivato il momento di tirare le somme, e di iniziare a capire cosa potrebbe riservare il futuro.

Ora inizierà un periodo di test all’interno di laboratori specifici, nel corso dei quali i tecnici rimuoveranno il kit di volo e tutto il contenuto dell’abitacolo (dove troviamo ad esempio il comandante Moonikin Campos Snoopy, l’indicatore di gravità), per studiare i dati raccolti, riguardanti la fattibilità della presenza umana nella fase di decollo.

Premete qui e collegatevi al canale Telegram ufficiale di TecnoAndroid, scoprirete in esclusiva le offerte Amazon con tanti codici sconto gratis.

 

Orion, la navicella è pronta per l’uomo?

Superata questa fase, si inizierà a valutare il danno eventuale delle parti maggiormente più esposte con l’atmosfera e l’esterno, quali sono ad esempio lo scudo termico, rimuovendo anche i pezzi da studiare in maniera più approfondita.

Ricordiamo che tutti questi test sono in un certo senso di fattibilità, vengono sfruttati per verificare la tenuta della navicella Orion nelle operazioni di decollo e di atterraggio, per comprendere appieno se possa effettivamente sopportare la presenza al suo interno di personale umano, il quale ne dovrebbe uscire ovviamente illeso, anche in caso di problematiche di alcun tipo.

I tempi non sono cortissimi, l’attesa è lunga perché è giusto fare tutti i test e controlli del caso, prima di assistere ad una nuova tragedia, come accade nel lontano 2001, quando tanti astronauti persero la vita.

 

 

 

VIANasa
Articolo precedenteRoaming in Europa, da gennaio 2023 sono disponibili più giga per tutti
Articolo successivoSmartphone: molti conti svuotati dopo capodanno, ecco le app responsabili
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.