Intesa Sanpaolo e le carte di credito svuotate: la truffa con un messaggio

Anche questi primi giorni dell’anno sono inesorabilmente caratterizzati dai tentativi di phishing in rete. Le vittime designate di questi tentativi di truffa sono ancora i clienti dei principali istituti di credito in Italia. Tra le diverse banche attaccate, un ruolo certamente di rilievo è quello di Intesa Sanpaolo. Molti clienti di quest’istituto, nelle ultime ore, hanno segnato tentativi di raggiro da parte dei cybercriminali.

 

Intesa Sanpaolo, gli hacker colpiscono ancora

La tecnica messa in atto dagli hacker è sempre la stessa. I clienti di Intesa Sanpaolo vengono intercettati da comunicazioni via mail SMS, con la promessa di accrediti sul conto dal valore anche superiore ai 1000 euro. Una volta catturata l’attenzione del pubblico con questi messaggi, i cybercriminali si premurano di indirizzare i lettori ad una serie di link in allegato alle comunicazioni.

Proprio i link sono il vero e proprio cavallo di Troia. Attraverso questi collegamenti, infatti, i clienti di Intesa Sanpaolo vengono indirizzati su finte pagine web dell’istituto di credito e vengono invitati a comunicare i loro dati riservati. Ad ottenere questi dati sono ovviamente gli hacker che sfrutteranno poi le informazioni personali per la creazione di profili fake in rete o anche per furti d’identità.

Sempre i clienti di Intesa Sanpaolo devono evitare un’ulteriore minaccia, ovvero la possibile attivazione di costosi servizi a pagamento in automatico sui profili TIM, Vodafone e WindTre. Ancora attraverso tali comunicazioni, molti clienti di Intesa Sanpaolo hanno perso parte dei loro soldi in passato.

Il campanello d’allarme maggiore, ad ogni modo, resta quello per i propri risparmiIn caso di condivisione delle proprie informazioni riservate home banking con i cybercriminali, questi ultimi potrebbero mettere le mani sui soldi di correntisti in pochi secondi.

Articolo precedenteAndroid, ci sono tre app che dovete assolutamente rimuovere
Articolo successivoSmart glass e Medicina, la tecnologia aiuta i medici
GennaroS
Giornalista pubblicista dal 2014, collaboratore di TecnoAndroid dal 2016. Le mie passioni nel tempo libero: l'Inter, Napoli, Roger Federer, Game Of Thrones, tutto ciò che è buona musica, viaggiare, viaggiare e ancora viaggiare.