Le vie del tuning sono infinite, basti pensare a quanti neon vennero installati nelle vetture in seguito ai primi Fast&Furious, ma anche l’immaginazione degli utenti può portare a risultati inattesi ed incredibili. Come nel caso della Seat Alhambra trasformata fisicamente in una vera e propria Audi.

Il modello non è altro che una monovolume nata nel 1996 come collaborazione tra Ford e Volkswagen, per poi essere abbandonata nella produzione nel 2010. Un’auto che nulla ha a che vedere con Audi, ma che un proprietario olandese ha voluto trasformare in una vettura del brand tedesco, integrando al suo interno tantissime componenti originali, anche di Porsche.

Ecco il canale Telegram di TecnoAndroid, avrete codici sconto Amazon completamente GRATIS e le offerte migliori della settimana.

 

Seat Alhambra, le modifiche apportate

La variante che maggiormente spicca alla vista non può che essere il frontalino, una griglia anteriore completamente rinnovata con il famosissimo logo Audi composto dai 4 anelli, senza comunque trascurare fendinebbia, prese d’aria e fari, tutti acquisiti da un modello di Audi A3.

La vettura è stata ridipinta completamente, prendendo spunto dalle colorazioni che caratterizzano i modelli sportivi del brand tedesco, con l’aggiunta di specchietti retrovisori originali, ma anche doppi scarichi, paraurti e logo installati nella parte posteriore.

Il modello, di cui trovate la foto all’inizio dell’articolo, è in vendita ad un prezzo di 6000 euro, essendo unico nel suo genere, la prima ed unica monovolume a 7 posti di Audi, che piò contare anche su pastiglie dei freni e dischi Porsche ad impreziosire il tutto. Quanti di voi la vorrebbero acquistare? non sono stati comunicati i chilometri effettivamente percorsi.

VIACarscoops
Articolo precedenteWhatsApp, le nuove funzioni per le chiamate per il 2023
Articolo successivoAudi A4: queste modifiche la rendono la più brutta in assoluto?
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.