monete rareUna piccola moneta o una banconota possono farvi guadagnare una fortuna? la risposta è assolutamente positiva, dovete infatti sapere che il mondo del collezionismo non conosce alcun limite, dopo le SIM top number ed anche i francobolli, è arrivato il turno della numismatica.

I prezzi di cui parleremo nell’articolo devono essere considerati con il giusto raziocinio, si trattano di valutazioni su esemplari in perfette condizioni, quindi caratterizzati da uno stato perfetto, senza imperfezioni e con pochissimi segnali di utilizzo effettivo (ovvero circolati pochissimo).

codici sconto Amazon sono i migliori dell’anno, riceveteli sul vostro smartphone con il canale Telegram di tecnoandroid, premendo qui.

 

Monete rare, quali sono gli esemplari da non perdere

Le monete più ricercate del momento sono sostanzialmente due, le prime sono le 10 lire italiane del 1954, un’annata molto particolare e unica nel proprio genere, che sta facendo letteralmente impazzire i collezionisti, tanto da proporre pagamenti anche di 1500 euro al pezzo. L’altro esemplare molto richiesto rientra nel mondo degli Euro, in particolare la variante con dedica a Grace Kelly stampata nell’anno 2007 (molto rara, sono disponibili solo 2000 esemplari nel mondo), il cui prezzo massimo ha toccato i 2000 euro.

Volendo conoscere anche le altre cifre che circolano nel globo, dovete sapere che le banconote più preziose al mondo sono le prime 100 stampate in Australia, hanno un valore monstre di ben 185’000 euro al pezzo, cifre da capogiro che molti di noi difficilmente comprenderanno, ma che i collezionisti sono tutt’oggi disposti a versare e pagare. Se siete in possesso di uno dei suddetti esemplari, dovete saperlo, potreste guadagnare una piccola fortuna.

Articolo precedenteNetflix, cambiano i costi e la tv ferma gli account condivisi
Articolo successivoAmazon è pazza, capodanno con offerte al 70% di sconto per distruggere Unieuro
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.