Telefoni vecchi e smartphone che valgono una fortuna, si arriva a oltre 1000€Smartphone a scuola, è giusto vietarli? o sono il perfetto mezzo di apprendimento, e di approfondimento? domande a cui difficilmente anche noi, nella nostra semplicità, possiamo dare una risposta definitiva o accurata, sebbene sia possibile portare qualche piccola considerazione atta a fungere da contorno alla vicenda.

La notizia che ha fatto da miccia al fenomeno è quella pubblicata non troppi giorni fa, in  cui il Ministro dell’Istruzione annunciava che presto i telefonini sarebbero stati banditi dalle classi, poichè ritenuti fonte di distrazione da parte degli alunni. Lo stesso Massimo Gramellini, voce autorevole del Corriere della Sera, con un suo articolo ha ribaltato il pensiero, affermando al contrario che sarebbe più utile trarre vantaggio dalla tecnologia, piuttosto che bandirla definitivamente dalle aule, in quanto lo smartphone potrebbe essere fonte di conoscenza e di approfondimento, se utilizzato correttamente.

Splendide offerte Amazon con codici sconto gratis sono disponibili sul canale telegram di Tecnoandroid, scopritele subito premendo il seguente link.

 

Smartphone a scuola, cosa fare?

In pochissimo tempo si sono create vere e proprie fazioni che spingono da una parte piuttosto che dall’altra, riteniamo indubbiamente che la tecnologia possa essere il valore aggiunto per una migliore istruzione dei ragazzi, il mezzo ideale che permetta di raggiungere una maggiore conoscenza con un semplice tap.

Il problema risiede proprio nell’impossibilità di controllarne l’utilizzo tra i banchi di scuola, proprio perché siamo consapevoli che la maggior parte dei giovani utilizzerebbe lo smartphone per navigare sui social o chattare con amici, riducendo al minimo l’approfondimento scolastico. La soluzione migliore sarebbe trovare il giusto compromesso tra le parti, ovvero riuscire a vietare l’utilizzo social e app di messaggistica, permettendo ad ogni modo di continuare ad utilizzare lo smartphone per gli altri scopi, ma è comunque molto molto complesso.

Articolo precedenteAssunto da un’azienda per un finto lavoro, la confessione di Miller
Articolo successivoTest psicologico visivo, l’albero di Natale che sceglierai rivelerà chi sei
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.