Android 14

Proprio come qualsiasi altra cosa, anche gli smartphone invecchiano, ma la storia sta per cambiare.

Alcuni telefoni sono in grado di durare per molto tempo, altri no. Lungo la strada alcuni potrebbero semplicemente guastarsi e non funzionare più. Ma a causa di alcuni dati importanti su tale dispositivo, la maggior parte degli utenti decide di tenere i vecchi smartphone e di utilizzarli ogni volta che ne hanno bisogno. In questo caso parliamo dei certificati root, che se scaduti possono bloccare l’accesso a internet ai vecchi smartphone e computer.

Per questo motivo, non sarà possibile connettersi a internet utilizzando lo stesso smartphone nel tempo.

Ma niente è perso, perchè Android ha trovato uno strano modo di gestire tale problema. Infatti Google ha in programma di risolvere la questione con la prossima versione.

Cosa cambierà grazie ad Android 14

Nel codice Android, che è open source, un editor chiamato Mishall Rahman ha notato che Google sta lavorando su un modello che consentirà di aggiornare automaticamente i certificati di root.

Allo stato attuale, gli aggiornamenti del certificato radice vengono forniti con l’aggiornamento del sistema principale. Quindi, quando il dispositivo non riceve più aggiornamenti, c’è un’alta possibilità che anche i certificati root scadano con il tempo.

Con la prossima correzione, i certificati root potranno essere aggiornati automaticamente come parte dei servizi mobili di Google. Ciò manterrà sempre funzionante il dispositivo e, naturalmente, si potrà continuare a connettersi a qualsiasi sito web, indipendentemente dall’età dello smartphone.

Anche i certificati radice si basano su questo principio. Ogni sito web si connette in modo sicuro a un dispositivo mobile utilizzando i certificati radice. Ciò significa che quando questi certificati scadono, le connessioni sicure a siti web e altre app diventano impossibili.

FONTEgizchina
Articolo precedenteSeozoom darà la possibilità di scrivere contenuti SEO-oriented usando l’intelligenza artificiale
Articolo successivoUno sviluppatore è stato capace di emulare su QEMU il sistema operativo del primo iPod di Apple
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it