3d legno

Un’indagine forestale globale rivela che dall’inizio della civiltà umana abbiamo già spazzato via il 54% della popolazione totale di alberi sulla Terra, sebbene sia risaputo che la deforestazione incontrollata è una delle principali cause di frequenti ondate di calore, siccità e tsunami.

Tagliamo ancora alberi in gran numero su base giornaliera per realizzare prodotti come carta, cera, medicinali, gomma e mobili. Alcuni di questi prodotti sono così fondamentali per il nostro stile di vita che non possiamo immaginare la nostra vita senza di loro.

Quindi questo significa che continueremo a tagliare alberi in futuro?

Beh, non più. Tutto grazie a un’innovazione rivoluzionaria. Uno studio pubblicato allora sulla rivista Materials Today ha fatto luce sul primo legno cresciuto in laboratorio stampato in 3D al mondo. Con questa ricerca, lo scienziato del MIT ha dimostrato che la deforestazione non è più un problema.

Gli autori dello studio hanno creato legno personalizzabile nel loro laboratorio dalle cellule di una pianta in fiore nota come Zinnia elegans, popolarmente chiamata zinnia comune. Hanno affermato che il loro nuovo approccio ha permesso loro di biostampare pezzi di legno di qualsiasi forma e dimensione. Ciò significa che se hai bisogno di un tavolo di legno, puoi produrre direttamente un tavolo di legno dalle celle.

Quindi niente disboscamenti e niente sprechi, come accade nel caso dei mobili tradizionali. Ciò è stato ottenuto trattando le comuni cellule di zinnia prima con un mezzo liquido e poi con una soluzione gel. Quest’ultimo comprendeva ormoni e sostanze nutritive.

Modificando la concentrazione di questi ormoni, i ricercatori hanno potuto controllare la rigidità, la forza, la densità e varie altre proprietà fisiche e meccaniche della materia vegetale coltivata in laboratorio.

Pur sottolineando l’importanza del loro lavoro di ricerca, gli autori hanno scritto nel loro articolo, “questo lavoro ha proposto un nuovo approccio per generare materiali vegetali sintonizzabili stampati in 3D da colture cellulari con il potenziale per ridurre gli sprechi, aumentare i raccolti e i tassi di produzione e ridurre la distruzione ambientale poiché le colture sono generate da un campione di pianta non sacrificale piuttosto che da piante intere.”

FONTEinterestingengineering
Articolo precedenteRedmi Note 12 Pro Speed Edition, annunciata la data di lancio ufficiale
Articolo successivoEcco perchè non esistono mammiferi di colore verde, la spiegazione si trova nel processo evolutivo
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it