Gli ospedali in Svizzera utilizzano ancora un vecchio incantesimo

A differenza dei loro predecessori, i medici moderni hanno il lusso di poter impedire ai loro pazienti di morire dissanguati usando medicinali come l’epinefrina, i farmaci per la coagulazione del sangue o persino un cerotto. Nonostante ciò, gli ospedali svizzeri continuano a utilizzare un “incantesimo” del Medioevo noto come “Il Segreto” per fermare il sangue durante gli interventi al cuore.

Fino ad ora nessuno si era preso la briga di condurre alcuna ricerca empirica sull’efficacia di questo rimedio popolare, probabilmente a causa della prevedibilità del risultato. Tuttavia, un nuovo studio ha finalmente messo alla prova questa antica usanza.

Il segreto fa parte di una concezione magica della medicina”, spiegano gli autori dello studio. “È un residuo delle pratiche mediche del Medioevo, quando la medicina era ridotta alla sua espressione più semplice ed era praticata da monaci-praticanti, o stregoni.”

Trasmesso di nascosto tramite il passaparola da un “creatore segreto” ad un altro, il rito consiste in “una formula di guarigione o preghiera che dovrebbe mobilitare forze superiori per aiutare a curare il paziente“. Incredibilmente, gli autori dello studio affermano che “questo incantesimo di sangue è ampiamente praticato nella parte francofona della Svizzera” ed è stato persino riconosciuto come “patrimonio immateriale” dall’UNESCO.

Per valutare il potere bloccante del sangue di questo incantesimo segreto, i ricercatori hanno confrontato gli esiti di sanguinamento di 200 pazienti sottoposti a procedure coronariche invasive in Svizzera. In modo sconcertante, il 76 percento dei partecipanti credeva che questo li avrebbe aiutati a proteggerli da un’emorragia eccessiva e c’è chi ha chiesto al proprio chirurgo di eseguire il rituale.

Ecco i risultati dello studio

Alla fine, a metà dei pazienti sono state somministrate cure standard, mentre l’altra metà ha ricevuto cure standard più l’utilizzo di questo incantesimo. I risultati sono stati misurati utilizzando la scala del Bleeding Academic Research Consortium (BARC), che valuta l’entità della perdita di sangue da uno a cinque.

Com’era prevedibile, i risultati indicavano che questa pratica non faceva la minima differenza e che i risultati del sanguinamento erano più o meno identici nei due gruppi. Tra coloro che hanno ricevuto la preghiera, il 72% non ha avuto sanguinamento, mentre il 16% ha avuto un punteggio BARC pari a uno e il 12% è stato valutato come BARC due.

Allo stesso modo, il 73% di coloro che hanno ricevuto solo cure standard non ha mostrato sanguinamento, e il 14% ha sperimentato BARC uno mentre il 13% è stato designato BARC due. Nessun paziente in entrambi i gruppi ha avuto un’emorragia estesa, caratterizzata da un punteggio BARC pari o superiore a tre.

FONTEiflscience
Articolo precedentePaura per la Torre di Pisa, rischia seriamente di cadere?
Articolo successivoNatale su Whatsapp, ecco le migliori frasi di augurio da utilizzare per i tuoi parenti o amici
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it