Nothing sta per lanciare un sottomarchio

Sono emerse notizie secondo cui la start-up tecnologica di Carl Pei, Nothing, potrebbe introdurre presto un sottomarchio. Ciò è supportato dalle immagini del primo prodotto del sottomarchio, gli auricolari TWS.

Ciò avviene dopo che l’azienda ha appena rilasciato il suo primo prodotto, il Nothing Ear, il suo primo smartphone, il Phone, e il secondo auricolare TWS, l’Ear.

Nothing’s Particle di XO

Le foto trapelate rivelano un testo “Particles by XO” sulla custodia di ricarica. Non è chiaro se questo sia il nome di un sub-brand o se sia simile a “Redmi by Xiaomi“. Se è come Xiaomi, allora XO è il sottomarchio Nothing con Particles come prodotto.

I rapporti affermano inoltre che gli auricolari TWS sono elencati con il nome del prodotto B154 e sono dotati di cancellazione attiva del rumore e supporto LHDC.

Al momento della stesura di questo articolo, tuttavia, non esiste alcuna parola ufficiale da parte dell’azienda stessa o di Carl Pei in merito al sottomarchio. Tuttavia, si ritiene che verrà lanciato negli Stati Uniti ed è stato progettato per le persone alla ricerca di un design raffinato.

Chi è Nothing

Carl Pei, il co-fondatore di OnePlus che si è separato da OnePlus nel 2021, ha annunciato il nome della sua prossima avventura: Nothing. Si descrive come una “società di tecnologia di consumo con sede a Londra” e conta come investitori artisti del calibro dell’inventore dell’iPod Tony Fadell, del co-fondatore di Twitch Kevin Lin, del CEO di Reddit Steve Huffman e dello YouTuber Casey Neistat. Prevede di rilasciare i suoi primi “dispositivi intelligenti” nella prima metà di quest’anno.

“La missione di Nothing è rimuovere le barriere tra le persone e la tecnologia per creare un futuro digitale senza soluzione di continuità“, afferma Pei, fondatore e CEO di Nothing, in un comunicato stampa. “Crediamo che la migliore tecnologia sia bella, ma naturale e intuitiva da usare.”

FONTEtheverge
Articolo precedenteSamsung vuole battere a tutti i costi Apple, ecco la nuova strategia per il 2023
Articolo successivoArrivano i documenti digitali sull’app Wallet di Android grazie a Google
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it