gli scienziati hanno sviluppato una “cura” contro il Cancro

Uno dei principali scienziati che hanno contribuito a plasmare la tecnologia del vaccino basata sull’RNA messaggero non è del tutto convinto del suo potenziale contro il cancro, anche dopo che il principale sviluppatore di vaccini COVID, Moderna ha dimostrato il contrario.

Nel 1980, la biochimica Dr. Katalin Kariko, mentre lavorava al suo dottorato di ricerca nel suo paese d’origine, l’Ungheria, era sicura che le molecole di mRNA potessero essere utilizzate per addestrare il corpo a produrre i propri anticorpi.

Decenni dopo, in risposta a una violenta pandemia, Pfizer/BioNTech e Moderna hanno sviluppato vaccini contro il COVID-19 a tempo di record, contribuendo a salvare milioni di vite e a tenerne decine di milioni lontano dagli ospedali.

La scorsa settimana, Moderna ha evidenziato il suo potenziale contro il cancro, riportando dati clinici di metà stadio per una combinazione che coinvolge il vaccino a base di mRNA mRNA-4157/V940 e l’immunoterapia di successo di Merck.

Con grande gioia, il duo ha affermato che nei pazienti con melanoma dello studio KEYNOTE-942 il cui cancro era stato completamente rimosso, la combinazione ha portato a una riduzione del 44% del rischio di recidiva del cancro o morte come trattamento adiuvante.

Una scoperta importante

Le cellule immunitarie non possono sconfiggere un tumore grande“, ha detto la dottoressa Kariko in un’intervista questa settimana alla Semmelweis University di Budapest, dove ha ricevuto un premio in riconoscimento del suo lavoro pionieristico nella ricerca basata sull’mRNA.

I risultati indicano il potenziale dei vaccini a mRNA contro il cancro, ed è interessante notare che lo studio ha coinvolto pazienti i cui tumori erano già stati rimossi chirurgicamente, ha osservato il dottor Kariko, secondo Bloomberg.

Alcune cellule sopravvivono e puoi combatterle con il vaccino“, ha detto il dott. Kariko, aggiungendo che è improbabile che la tecnologia generi una risposta adeguata per eliminare la maggior parte del tumore e sarà probabilmente più vantaggiosa per i pazienti con solo poche cellule cancerogene.

Ciò evidenzia l’importanza di spostare “la nostra attenzione sulla diagnosi precoce“, ha osservato il dott. Kariko, riferendosi ai test di screening del cancro basati sul sangue che aiutano a identificare i pazienti molto prima che si sviluppi un tumore.

Le aziende focalizzate sullo screening precoce del cancro includono l’unità GRAIL di Illumina, Natera, Guardant Health e Exact Sciences.

FONTEmsn
Articolo precedenteOfferta WindTre con 150 GB a 8,99€: ecco chi può attivarla
Articolo successivoAndroid Auto, finalmente la funzione CoolWalk è disponibile per i test, ma solo per alcuni utenti
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it