colonnine di ricarica

Chi sta guidando auto elettriche si sta scontrando ampiamente con la decisione sia di piccoli negozianti che di grosse catene di supermercati di rimuovere la possibilità di caricare la propria auto gratis. Questo è plausibile, essendo che fin troppe persone si stavano approfittando del servizio offerto, mancanti di fatto di lungimiranza e buona educazione.

Come notato da molti, qualche settimana fa chi viaggiava lungo la A22 Modena – Brennero, ha riscontrato alcuni disagi, essendo che nelle aree di sosta provviste di punti di ricarica, solo una colonnine su due era utilizzabile.

 

 

Colonnine di ricarica, nonostante i disagi, la A22 si dimostra ugualmente disponibile

A22, nonostante tutto, vuole continuare a proporre il suo sostegno verso la mobilità sostenibile, sia per quanto riguarda le auto elettriche sia per quelle a idrogeno.

Infatti, le colonnine di ricarica sono gratuite e sempre funzionanti. Oltretutto, non c’è bisogno di nessuna tessera o registrazione. Di fatto, moltissimi automobilisti sanno che possono fidarsi di questo tratto autostradale e può viaggiare tranquillo senza l’ansia da ricarica.

La società ha affermato che per far crescere la diffusione dei veicoli a zero emissioni, ci sarà l’implementazione di altri punti di ricarica, con tanto di colonnine di diversa potenza (dalle AC da 22 kW alle DC da 150 kW). Queste, ribadiamo, resteranno gratuite lungo tutta l’arteria autostradale che parte dall’Emilia Romagna fino ai confini con l’Austria. L’inutilizzo temporaneo era dovuto a delle operazioni di manutenzione usuali.

Inoltre, è importante ricordare che per l’alimentazione delle colonnine sarà sempre utilizzata energia ricavata direttamente dalle fonti rinnovabili.

Colonnine A22

Articolo precedenteEcco come aggiungere il widget di Whatsapp all’interno del tuo sito internet in pochi passi
Articolo successivo4G nasconde una falla incredibile, molti utenti sono in pericolo
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.