Smartphone Aerei 5GIl 5G sarà presto disponibile anche in aereo, l’ultimo via libera da parte della Commissione Europea, apre le porte ad una svolta incredibile rispetto a quanto vissuto nel corso degli anni, con la possibilità di collegarsi alla rete anche stando comodamente seduti sul proprio sedile.

Secondo quanto diffuso, i passeggeri a bordo dei voli nell’UE, potranno “utilizzare gli smartphone al massimo delle proprie capacità e funzionalità, alla pari della rete 5G terrestre“. Lo stesso Thierry Breton, il Commissario per il Mercato interno, sostiene che il cielo non è più un limite per la possibilità di offrire connettività superveloce agli utenti”.

Per i codici sconto Amazon gratis ed anche offerte speciali, ecco il nostro canale Telegram dedicato.

 

5G in aereo: ecco le novità

Per chi non lo sapesse, ricordiamo che a partire dal 2008 la Commissione ha riservato alcune frequenze radio per gli utilizzi sugli aeromobili, con la nuova delibera si aprono le porte verso il futuro della connessione. Il “servizio verrà erogato direttamente all‘interno della cabina dell’aereo, dove troveranno posto apparati di rete che collegheranno il mezzo stesso con la rete terrestre“, ha ampiamente spiegato la commissione.

Al momento non è stata ufficializzata una data di comparsa sul mercato di una simile soluzione, né comunque ci è dato modo di sapere in che modo verrà implementata sugli aeromobili già in commercio. In ultimo, sempre la Commissione ha deciso di imporre la presenza delle bande 5GHz anche sui mezzi terrestri, tutti gli stati membri dell’UE dovranno adeguarsi entro e non oltre il 30 giugno del prossimo anno. Che il futuro abbia inizio.

Articolo precedenteBatterie al litio, vantaggi e svantaggi. Possono davvero esplodere?
Articolo successivoAmazon è folle, oggi quasi gratis gli smartphone al 70%, distrutta Unieuro
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.