Recensione Oppo Enco Air 2 Pro: ANC e tanta autonomia al giusto prezzo!

Auricolari dall'ottimo rapporto qualità prezzo con una buona qualità audio, una cancellazione attiva del rumore piuttosto efficace e tanta autonomia.

Oppo produce auricolari wireless di discreta qualità e questo modello si distingue per l’ottimo rapporto qualità prezzo, peccato solo manchi la gesture per la regolazione del volume…

Design ed ergonomia

Molto carina la custodia in policarbonato, a forma di bolla e la parte superiore è traslucida, un vezzo stilistico un pochino kitsch ma distintivo.

Sulla parte frontale il led di stato, sul reto il logo Oppo ben stampigliato e nella parte inferiore la Type-C per la ricarica.

La chiusura del cofanetto è magnetica, così come il sistema di ancoraggio degli auricolari.

Il magnete di ancoraggio non è molto potente ma sufficiente a trattenere le cuffiette.

Il corpo delle Enco Air 2 Pro è realizzato in una plastica di color bianco, sono di tipo in-ear con il gommino e la bacchetta esterna, riportano stampigliate l’indicazione L e R.

Davvero ben realizzato il gommino: trattiene eventuali impurità con una specie di griglia gommata e permette una pulizia molto agevole.

Stranamente non è presente alcun pulsante per avviare il pairing bluetooth.

In confezione solo il cavo per la ricarica, e i gommini per meglio adattare le cuffie al padiglione auricolare.

Qualità Audio e Cancellazione Rumore

I driver sono titanizzati e hanno grande diaframma da 12,4 mm, la connettività e di tipo Bluetooth 5.2 a bassa latenza con connessione simultanea di entrambi gli auricolari, non abbiamo pertanto una cuffietta Master.

I codec supportati sono AAC ed SBC, purtroppo nessuna compatibilità con gli AptX.

Sono davvero convincenti in termini di qualità audio, i bassi sono sufficientemente profondi ed in generale la qualità è migliore di quanto mi aspettassi per la fascia di prezzo.

Purtroppo ho notato un leggero ritardo rispetto al labiale guardando contenuti video, la latenza può però essere ridotta attivando la modalità gaming.

Promosso il comportamento in chiamata, i microfoni sono 2 e la cancellazione attiva del rumore di fondo è sufficiente, sicuramente ce ne sono di più prestanti ma non a questo prezzo.

Sono dotate della modalità trasparenza, utile quando magari abbiamo bisogno di parlare con qualcuno senza toglierci gli auricolari.

App, Funzioni e Autonomia

Se abbinati ad uno smartphone Oppo il pairing è rapido ed intuitivo con la solita animazione dedicata all’ecosistema, se si utilizza un qualsiasi altro dispositivo bluetooth è sufficiente aprire la custodia e cercare il dispositivo.

Sugli smartphone Oppo inoltre troveremo tutte le impostazioni nel menu dell’accessorio, per tutti gli altri smartphone è necessario scaricare l’app HeyMelody dall’app store.

Si tratta di una app ben realizzata sia come funzioni che come grafica.

Ci mostra lo stato di carica della singola cuffietta (ma non del cofanetto) e possiamo regolare la cancellazione del rumore in tre modalità (attiva, disattivata e trasparenza).

Presenti anche delle equalizzazioni reimpostate chiamate Enco Live sound effects: potremo scegliere tra Original Sound, Bass Boost e Clear Vocals.

L’intervento delle tre modalità è percepibile e va a modificare leggermente la nostra esperienza di ascolto

Si comandano “tappandole”: possiamo personalizzare i comandi su ogni singola cuffietta e riconoscono singoli, doppi, tripli tap o pressioni prolungate.

Hanno la possibilità di restare collegate a due dispositivi in contemporanea, ma per passare da un device all’altro è necessario dare un comando tramite gesture (nel mio caso pressione prolungata)

Autonomia superlativa, il costruttore dichiara ben 28 ore ed in effetti dopo averle utilizzate continuamente per due settimane con chiamate, cancellazione attiva e un po’ di musica non le abbiamo ancora messe in carica.

Prezzo e Conclusioni

 

Oppo Enco Air 2 Pro

79.99
7.8

Design e materiali

8.0/10

Audio

8.5/10

Prestazioni

8.0/10

Software

7.0/10

Prezzo

7.5/10

Pro

  • Ergonomia
  • Qualità audio
  • Autonomia

Contro

  • Assenza ricarica wireless
  • Regolazione volume
  • Latenza
Articolo precedenteOppo Find N2 e N2 Flip: il debutto è pressoché imminente
Articolo successivoRecensione Sonos Sub Mini: il subwoofer perfetto da utilizzare in combinata