La missione Apollo 13

La NASA, attraverso il suo prossimo programma Artemis, ha in programma di fare frequenti viaggi sulla superficie lunare. L’agenzia spaziale sta ora contattando le aziende statunitensi per potenziali soluzioni.

SpaceX sta attualmente lavorando su un lander lunare per la missione Artemis 3, attualmente prevista per non prima del 2025, mentre il secondo lander lunare sarebbe utilizzato nelle successive missioni Artemis con equipaggio.

Solo le società statunitensi sono idonee e i loro lander proposti devono trasportare gli astronauti dall’orbita lunare alla superficie della Luna. La compagnia prescelta dovrà effettuare un atterraggio sulla Luna seguito da un atterraggio con equipaggio non prima della missione Artemis 5 prevista per la fine degli anni ’20. L’azienda vincitrice potrà quindi competere per contratti futuri nell’ambito delle missioni successive del programma Artemis.

La NASA, attraverso il suo programma, sta cercando di mantenere una presenza sostenibile dell’uomo sulla Luna, in cui gli astronauti possono andare avanti e indietro sulla superficie lunare e rimanervi per periodi di tempo più lunghi. L’agenzia spaziale si sta attualmente preparando a lanciare la missione inaugurale Artemis 1, in cui una capsula Orion senza equipaggio viaggerà intorno alla Luna e ritorno. Artemis 2 sarebbe una ripetizione ma con un vero equipaggio, mentre Artemis 3 vedrebbe i primi umani sulla superficie lunare dall’era Apollo.

Nell’aprile 2021, la NASA ha assegnato a SpaceX un contratto per lo sviluppo del primo lander lunare per la missione Artemis 3. L’impresa spaziale privata di Elon Musk ha battuto Blue Origin di Jeff Bezos e Dynetics, con sede in Alabama, per un accordo da 2,89 miliardi di dollari. SpaceX intende utilizzare la sua prossima Starship, un veicolo di lancio super pesante completamente riutilizzabile attualmente in fase di sviluppo, per l’atterraggio lunare di Artemis 3.

Ecco cos’è in programma per i prossimi anni

Tuttavia, un anno dopo aver assegnato a SpaceX il contratto per il sistema di atterraggio umano, la NASA ha annunciato che stava cercando un secondo lander lunare. L’agenzia spaziale vuole un lander che, oltre a portare gli astronauti in superficie, sia in grado di attraccare con Lunar Gateway, un avamposto orbitale pianificato. Deve anche consentire i trasferimenti dell’equipaggio, un equipaggio ampliato e uno spazio di archiviazione aggiuntivo per il carico diretto alla Luna. “Ho promesso la concorrenza, quindi eccola qui“, ha detto all’epoca Bill Nelson, amministratore della NASA. “La concorrenza porta a risultati migliori e più affidabili.”

Il contratto della NASA con SpaceX prevede una “opzione B” che chiederebbe alla società “di evolvere il suo attuale progettoArtemis 3 Starship per soddisfare una “serie estesa di requisiti per sostenere le missioni sulla Luna e condurre un altro atterraggio dimostrativo con equipaggio“, l’agenzia spaziale ha scritto. SpaceX sarà quindi idoneo a competere anche per contratti futuri.

Il lavoro svolto nell’ambito di questa sollecitazione, oltre all’attuale sviluppo del lander e agli studi in corso, aiuterà a costruire le basi per l’esplorazione dello spazio profondo a lungo termine“, Lisa Watson-Morgan, responsabile del programma per il programma Human Landing System presso il Marshall Space Flight della NASA Centro, ha detto in una nota. “La collaborazione con aziende americane per svolgere questo lavoro ora ci consente di sfruttare le conoscenze e le competenze della NASA per incoraggiare le innovazioni tecnologiche per una presenza costante sulla Luna“.

FONTEgizmodo
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it